Indice del forum
RegistratiCercaFAQLista utentiGruppiLog in
Topic unico serie D
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 16, 17, 18  Successivo
 
Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Serie A, B e leghe inferiori, Coppe e Nazionali Precedente
Successivo
Topic unico serie D
Autore Messaggio
simone cologno
Simpatizzante



Registrato: 13/03/07 16:22
Messaggi: 352
Residenza: Cologno al Serio(BG)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
certo...che è vietato accendere i fumogeni

_________________
Solo forza atalanta
Lun 20 Ago 2007, 9:30 Profilo Invia messaggio privato
GAZZA
Utente base



Registrato: 10/03/06 09:54
Messaggi: 42
Residenza: CANTU' - La Città dei Canestri

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
ieri il Como ha vinto 3 a 2 contro il Fanfulla
nonostante credo un anticipo di diluvio universale
che ieri si è abbattuto sullo stadio
quest'anno nel Como gioca Cau ex Bari se non vado errato. Bravino ha pure segnato...
ma i soliti problemi rimangono difesa un pò a donnine allegre, difficoltà a tirare in porta ( 2 dei r gol sono arrivati per grazia ricevuta).
Il portiere Frigerio ha fatto alcune buone parate

_________________
CON COSTINHA
PLACHEREMO LA NOSTRA FAME

http://www.youtube.com/watch?v=FnuOUGbm_DQ&mode=related&search
Lun 20 Ago 2007, 11:03 Profilo Invia messaggio privato
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Credo che Como, Fanfulla e Tritium sono le favorite, poi vedo il Darfo.

Più tardi posto gli articoli sulla partita Darfo-Colognese.

_________________
Lun 20 Ago 2007, 13:01 Profilo Invia messaggio privato MSN
simone cologno
Simpatizzante



Registrato: 13/03/07 16:22
Messaggi: 352
Residenza: Cologno al Serio(BG)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
secondo me i favoriti sono tritium e como...il fanfulla no...
anche il darfo nn mi è sembrato chissa che cosa...magari è in ritardo di condizione...noi invece secondo me possiamo arrivare ai playoff

_________________
Solo forza atalanta
Lun 20 Ago 2007, 14:02 Profilo Invia messaggio privato
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
simone cologno ha scritto:
secondo me i favoriti sono tritium e como...il fanfulla no...
anche il darfo nn mi è sembrato chissa che cosa...magari è in ritardo di condizione...noi invece secondo me possiamo arrivare ai playoff


Il Darfo è indietro con la preparazione, ma dopo la sconfitta di ieri si sono un pò allarmati in quanto non credevano d'essere così indietro. Secondo me a loro serve qualcosa a centrocampo, so che seguivano Margherita ex Rodengo per me uno dei migliori in quel settore, Giulio sai dove è andato?, ma ora come ora cercano un under di qualità e consistenza. Credo che con un giocatore di quel tipo la rosa è a posto. Como e Tritium sicuramente davanti a tutti, ma il Fanfulla è da anni che vuole fare le cose in grande.

A dopo per gli articoli.

_________________
Lun 20 Ago 2007, 16:31 Profilo Invia messaggio privato MSN
simone cologno
Simpatizzante



Registrato: 13/03/07 16:22
Messaggi: 352
Residenza: Cologno al Serio(BG)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
è da anni che vuole fare cose in grandi ma l'anno scorso ricorda che ha rischiato i playout

_________________
Solo forza atalanta
Lun 20 Ago 2007, 17:08 Profilo Invia messaggio privato
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Dal Bresciaoggi.

COPPA ITALIA. I NEROVERDI CAMUNI INIZIANO LA STAGIONE UFFICIALE CON UNA PESANTE SCONFITTA INTERNA CONTRO I BERGAMASCHI DELLA COLOGNESE
Il Darfo Boario scivola in partenza. L’attacco non concretizza, la difesa è ancora pesante e prende un gol per tempo. E adesso serve un’impresa.


Solo sprazzi di bel Darfo nella prima stagionale. La gara di Coppa Italia ha visto in campo una squadra non ancora pronta. Nessuno drammatizza, e ci mancherebbe, Darfo è stato costruito con progetti ambiziosi, da zona play off, la Colognese per ben figurare col coltello fra i denti. La Coppa interessa poco, e lo si è visto quando, sotto per due a zero, la squadra di casa si è limitata a ratificare il risultato giocandosela senza forzare, provando a pungere senza insistere più di tanto.
La sconfitta non era prevista ma in questa fase della stagione non preoccupa nessuno. C’è solo un retrogusto amarognolo: il Palazzolo lo scorso anno iniziò così, squadra bella a vedersi, che pensava al campionato e si preparava per il futuro. Vinse la Colognese, che è sempre più in forma delle nostre, non ha grandi obiettivi ma poi trasforma una stagione da zona salvezza in una da corsa play off.
Darfo con il 4-3-1-2 annunciato. Guizzetti in porta, Stefani, Poma, Mosa e Lodetti in difesa, Gherardi play con Giorgi e Longo interni, Odelli alle spalle di Rossetti - Guazzo. Nella ripresa si vedono Garrone (mai servito), Curnis e Taboni: ma dal 2-0 in poi il ritmo cala ed è difficile dare una valutazione pure a loro.
Più che la prima gara ufficiale, dal punto di vista agonistico, è parsa solo la rivincita dell’amichevole di due settimane fa (vinse il Darfo). Le squadre giocheranno contro domenica prossima (ore 16) la gara di ritorno e si troveranno in campionato alla terza d’andata (16 settembre). A quel punto si conosceranno a memoria.
Intanto il Darfo ha capito che la Colognese è squadra che sa fare un buon possesso palla, giocando con baricentro alto e difesa attenta che segue a uomo i due attaccanti avversari. I bergamaschi, dal canto loro, hanno intuito che il Darfo, qualitativamente superiore al passato, ha bisogno di pochissimo per farsi pericoloso. Non è servito molto per le prime indicazioni: avvio pimpante della Colognese... prima occasione del Darfo, con Guazzo (il più ispirato dei suoi) che serve Odelli al 12’ (conclusione fuori).
I camuni hanno giocato una gara ordinata, rischiando il meno possibile. L’unico tiro degno di nota nella prima mezz’ora è stato di Sgrò (24’) dal limite, teso, alto di poco. Al 33’ però è arrivato il gol dei bergamaschi: Salandra mette un pallone filtrante per Floriano che brucia la difesa in velocità, fa sedere Guizzetti e deposita in rete. Nel finale torna il Darfo: Guazzo ci prova al 36’ tallonato dall’ex Poletti e impegna a terra Merelli al 45’. Rossetti un minuto dopo gira a lato di testa con un bello stacco, potente e imperioso ma impreciso.
Nella ripresa avvio lampo del Darfo: il tiro di Odelli al 2’ è facile per il portiere, quello di Guazzo un minuto dopo è troppo debole. L’occasione migliore arriva al 15’: Odelli per Giorgi chiuso, a tu per tu con Merelli, dal portiere in uscita. Fin lì Guizzetti è spettatore, la Colognese fa possesso palla ma finalizza poco. Il portiere è chiamato in causa al 15’ da Nichesola (volo e palla in corner) ma non ci arriva sulla conclusione volante di Salandra al 19’ (su corta respinta di Lodetti). Il raddoppio abbassa il ritmo. La Colognese gestisce, Darfo ci prova con Taboni (tiro cross insidioso al 33’) e con un assolo di Guazzo (Menalli lo chiude con un intervento da manuale, anche se i tifosi chiedono il rigore). Risultato difficile da recuperare al ritorno, ma questa Coppa Italia pare proprio non interessare e per la Colognese la pratica qualificazione è quasi una certezza.

Falsettini: «Risultato giusto ma severo»

Come se nulla fosse. A fine gara il risultato è proprio l’ultimo dei pensieri dei due tecnici. Marco Falsettini si limita a riconoscere il risultato: «Un pò severo nei nostri confronti per quello che si è visto in campo» mentre Stefano Vecchi pensa a tutto tranne, appunto, al risultato che ha visto prevalere la sua squadra.
«Volevo vedere la squadra al lavoro in una gara di novanta minuti - ha spiegato il tecnico del Darfo - non meritavamo di certo un 2-0 al passivo ma in questa fase della stagione ci sono tante situazioni che subentrano e non ci preoccupiamo per nulla. Lavoriamo in prospettiva».
IL SECONDO GOL, in particolare, è di quelli che in campionato potrebbero essere processati: corta respinta proprio sul miglior attaccante avversario. Ma Falsettini lo liquida così: «E’ stata una situazione casuale con una ribattuta che li ha favoriti, per il resto avevamo creato situazioni interessanti anche noi nella metà campo avversaria senza arrivare però al gol». La Colognese, comunque, sarà un avversario in campionato, e Falsettini, fra i tecnici bresciani della D, è l’unico che ha potuto «studiare» uno dei prossimi avversari: «Loro in questo momento sono più avanti di noi e tutto sommato hanno meritato questa vittoria, non possiamo certo pensare di essere al cento per cento in questo momento, pensiamo che dobbiamo arrivare al 7 di maggio prossimo andando sempre in crescendo, questo è l’obiettivo». Le sue squadre, del resto, sono abituate a partenze in sordina con uscite alla distanza, in crescendo, soprattutto nel girone di ritorno. Chi ha saputo aspettare (leggi Pegocrema) è stato premiato dai risultati, chi ha avuto fretta (come il Como l’anno scorso) ha pagato alla lunga le proprie decisioni avventate.
A Cologno al serio, intanto, si fregano già le mani. «Buon risultato - ammette il tecnico Vecchi - ma è quello che conta di meno, abbiamo fatto un passo avanti dal punto di vista fisico tenendo bene per i 90’. Ho visto buone cose, sono queste le indicazioni che colgo con piacere».

_________________
Lun 20 Ago 2007, 20:29 Profilo Invia messaggio privato MSN
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Dal Giornale di Brescia.

I bergamaschi si impongono per 2-0 davanti al folto pubblico del Comunale. I padroni di casa si consolano con la bella prova dell’attaccante. Darfo, non bastano i guizzi di Guazzo: passa la Colognese.

Darfo Boario0 - Colognese2

DARFO BOARIO: Guizzetti, Stefani, Lodetti, Giorgi (15’ st Curnis), Poma, Mosa, Odelli (22’ st Taboni), Longo, Guazzo, Gherardi, Rossetti (15’ st Garrone). All.: Falsettini.

COLOGNESE: Merelli, Galluccio, Maffioletti (1’ st Chinelli), Sgrò, Valtulini, Poletti, Menalli, Nichesola (12’ st Pastori), Valenti, Salandra (27’ st Luciano), Floriano. All.: Vecchi.
Reti: 32’ pt Floriano; 19’ st Salandra.

Note - Spettatori 550 circa. Terreno di gioco in ottime condizioni. Ammoniti: Giorgi, Salandra, Chinelli. Calci d’angolo: 7-5 per il Darfo Boario. Recupero: 1’ e 2’.

DARFO BOARIO - Rimandato a... settembre. È amaro l’esordio del Darfo Boario, che nel primo match ufficiale della stagione, la gara di andata del primo turno di Coppa Italia, cede le armi ai bergamaschi della Colognese che, con un gol per tempo, espugnano il Comunale con un secco 2-0. Un risultato forse troppo severo per i camuni, apparsi in debito d’ossigeno un po’ in tutti i reparti e ancora in ritardo nella preparazione fisica. Note positive arrivano da Matteo Guazzo, protagonista di una prova generosa a cui è mancato solo il gol. Onore al merito alla Colognese, che ha trovato il vantaggio dopo mezz’ora e ha disputato un primo tempo impeccabile. Nella ripresa, quando i ritmi sono calati, i ragazzi di Vecchi hanno assestato il colpo del ko, mettendo una seria ipoteca sul passaggio del turno.
La voglia di vedere all’opera il nuovo Darfo Boario targato Falsettini è tanta e né la domenica da clima ferragostano, né i 30 gradi che cuocciono lo stadio fermano l’entusiasmo dei tifosi neroverdi che accorrono in massa al comunale. Nello schieramento di partenza, il tecnico milanese schiera un 4-4-2 con Guizzetti tra i pali, la coppia Poma-Mosa centrali e Lodetti e Stefani esterni, centrocampo con capitan Gherardi, Longo e Giorgi, Odelli a supporto del tandem Guazzo-Rossetti.
Fin dai primi minuti i bergamaschi dettano i tempi: velocità, pressing, superiorità numerica in ogni reparto. Al 10’ bello spunto di Guazzo che serve Odelli a centro area, ma il tiro termina a lato. L’ex Sangiovannese appare il più in palla, e un minuto dopo serve bene Rossetti, viene anticipato al momento della conclusione. Al 22’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, è Sgrò a far tremare Guizzetti con un gran destro da fuori area, ma la sfera sfiora la traversa. Il Darfo Boario fatica a trovare le contromisure agli avversari che al 32’ trovano il meritato vantaggio: Salandra dal limite pesca l’accorrente Floriano che sguscia tra le maglie della difesa neroverde completamente immobile: piatto destro e palla in rete.
Al 35’ Guazzo prova a fare tutto da solo: resiste al contrasto di due avversari e calcia a botta sicura ma la palla termina alta di poco. Due minuti dopo tocca a Salandra presentarsi a pochi passi da Guizzetti, ma Poma ci mette il piede e manda in corner. Prima del riposo c’è tempo ancora per uno spunto di Guazzo che si lascia alle spalle tre difensori e scarica un destro che termina alto.
La ripresa si apre con un cambio tra i bergamaschi: fuori Maffioletti e dentro Chinelli. Dopo un minuto, il 17enne Odelli strappa applausi con una conclusione coraggiosa ma «telefonata» da circa 20 metri. Di tutt’altro tenore le intenzioni di Nichesola che con una gran conclusione da fuori, al 7’, costringe Guizzetti a volare. Al 14’ l’occasione più ghiotta per pareggiare i conti capita sui piedi di Giorgi: Odelli pennella a centro area, il numero 4 neroverde si presenta a tu per tu con Merelli ma il suo tiro viene miracolosamente intercettato dall’estremo difensore bergamasco.
Falsettini gioca la carta Garrone che va a rilevare uno spento Rossetti, mentre Curnis subentra a Giorgi. Ma al 19’ la Colognese chiude i giochi: Lodetti in area respinge corto su un cross avversario e dal limite Salandra raccoglie al volo e indovina l’angolo. Il raddoppio chiude di fatto la gara. L’unico sussulto ai tifosi neroverdi lo regala Taboni che al 33’ cerca e trova la porta avversaria con un tiro cross che per poco non finisce dentro. Tra sette giorni a Cologno al Serio servirà un’impresa su cui pochi sembrano disposti a scommettere.

PARLA L’ALLENATORE. Falsettini rimane sereno: «Nulla di cui preoccuparsi».

DARFO BOARIO - Una botta che non lascia lividi. L’esordio ufficiale sulla panchina neroverde coincide con la prima sconfitta della stagione, ma davanti ai taccuini Falsettini è sereno e disponibile al confronto.
«Cosa è successo? Direi che gli avversari stavano meglio di noi e hanno vinto anche meritatamente, anche se il passivo è troppo pesante. Non ho visto tutta questa differenza in campo». D’accordo, ma la Colognese è apparsa più avanti nella preparazione: «Se fossimo al 100% della forma già a metà agosto mi preoccuperei. Il campionato non è ancora iniziato e questo era un test importante che mi ha permesso di conoscere meglio i miei giocatori. Ho visto ciò che va e quello che invece va migliorato. Già da martedì lavoreremo per trovare gli equilibri e la forma giusta».
Poca reattività, poca cattiveria agonistica. Mancavano gli stimoli? «Il nostro primo obiettivo era ed è il campionato. Abbiamo un gruppo di giocatori molto validi e ci sono tutte le condizioni per fare molto bene. Sono sincero, preferisco incassare una sconfitta adesso. Quando sarà il momento, ci faremo trovare pronti».
Poi elogi per la prova di Guazzo: «Si è mosso molto bene, era l’unico dell’attacco in perfetta forma. Le altre punte (Rossetti e Garrone, ndr) avevano qualche problemino fisico. Per il resto, direi che non c’è nulla di cui preoccuparsi».

_________________
Lun 20 Ago 2007, 20:34 Profilo Invia messaggio privato MSN
simone cologno
Simpatizzante



Registrato: 13/03/07 16:22
Messaggi: 352
Residenza: Cologno al Serio(BG)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
grandi ragazzi continuiamo cosi

_________________
Solo forza atalanta
Mar 21 Ago 2007, 9:57 Profilo Invia messaggio privato
DeaInMyHeart
Seguace della Dea



Registrato: 17/08/04 20:29
Messaggi: 1454
Residenza: Bergamo

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
- Salandra in serie D è un insulto. Eppure avrebbe avuto poche richieste dai professionisti, o almeno così pare.... Ma ho più di un dubbio che molte squadre non fossero interessate....

- Tifosi Darfo: sì erano in pochi, non penso più di una ventina. A parte il "vaffanculo" alla squadra avversaria, che ci può tutto sommato stare, per il resto hanno fatto scoppiare un petardo (Magnum?). L'arbitro comunque non ha scritto a referto e non è arrivata la multa dal giudice sportivo

- Il Darfo è tosto in attacco e appena vanno in forma faranno paura. Dietro e a centrocampo sono nulla di speciale, cmq lotteranno per i play-off.

- Il primo posto credo sarà un discorso fra Tritium (60%) e Como (40%). Più un terzo incomodo, ma dubito sia Fanfulla e Darfo.

- Bello l'articolo sulla partita del BresciaOggi, è uscito ancora bene considerati gli excursus poco calcistici che aleggiavano di tanto in tanto nel box stampa. Vero "Arma"? Very Happy

_________________
cosa vuoi che sia… passa tutto quanto… solo un po' di tempo e ci riderai su (Ligabue)

Il vero io è quello che tu sei e non quello che hanno fatto di te (P. Coelho)

Credo per credere, certi momenti, serve molta energia (RadioFreccia, Liga)
Mer 22 Ago 2007, 20:21 Profilo Invia messaggio privato
simone cologno
Simpatizzante



Registrato: 13/03/07 16:22
Messaggi: 352
Residenza: Cologno al Serio(BG)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
porca troia non si può.....3 a 1 per il darfo ieri e siamo ancora fuori....stesso cosa dell' anno scorso 2 a 0 in trasferta vinto perso in casa 3 a 1

_________________
Solo forza atalanta
Lun 27 Ago 2007, 9:52 Profilo Invia messaggio privato
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Per la felicità di Simone ecco la cronaca del Bresciaoggi, anche se ci sarebbe da dire che chi ha scritto l'articolo era una sorta di fantasma in quel di Cologno domenica.

BASTA UN TEMPO AI NEROVERDI DI FALSETTINI PER RIBALTARE IL RISULTATO DELL’ANDATA E CONQUISTARE IL PASS PER IL SECONDO TURNO.
Darfo, un’impresa firmata Rossetti. L’attaccante argentino sigla una tripletta decisiva che stende la Colognese e regala la qualificazione.


Tutto nel secondo tempo. Il Darfo macina gioco nel primo tempo e concretizza nella ripresa, si sbarazza della Colognese rimontando un 2-0 interno che sembrava ostacolo insormontabile e manda un segnale chiaro al campionato che inizia domenica prossima.
Per i gialloverdi sembrava più che mai ipotecato il passaggio del turno anche dopo il pareggio strepitoso di Floriano (1-1 al 18’st). Ma lì è nato l’equivoco: credere che il discorso qualificazione era praticamente chiuso. Invece, nel giro di soli otto minuti, i camuni hanno infilato l’uno-due con Rossetti (tripletta) che è costata un po’ ingenuamente ai gialloverdi l’eliminazione.
Nel primo tempo la Colognese fa ciò che deve fare. Tiene bassi i ritmi, e pure il Darfo si adegua pensando più al secondo tempo. Riesce a rendersi pericolosa con fiammate di Floriano e Salandra. Non corre alcun rischio, con un Merelli inoperoso. La prima tegola cade sul Darfo quando Poma lascia il posto a Stefani per un infortunio al ginocchio: Falsettini conferma il 4-2-3-1 con Stefani e Lodetti terzini, Mosa e Ragnoli in mezzo, Longo e Gherardi mediani, Taboni, Guazzo e Prandini sulla trequarti, Rossetti davanti a giocare come sa fare da prima punta.
Poche le azioni degne di nota nei primi 45’. La Colognese ci prova al 26’ con un tiro di Menalli da fuori area, nessun problema per Milesi. Due minuti dopo, ancora i gialloverdi con Floriano bravo a liberarsi e a concludere lambendo il secondo palo. Al 32’ è Valenti, servito da Salandra, a mandare poco alto di testa. E il Darfo? Guazzo e Rossetti non trovano mai il guizzo giusto dentro l’area, a parte una debole girata ravvicinata di Rossetti al 34’. Si passa così alla ripresa.
Il Darfo, che deve recuperare i due gol dell’andata, preme sull’acceleratore. Al 1’ Guazzo impegna Merelli, ma la Colognese risponde prontamente sfiorando la rete con Floriano su sponda di Valenti (servito da Menalli): il tiro a botta sicura del gialloverde si infrange sui piedi di un difensore avversario che salva a pochi passi dalla linea. Al 5’ passa il Darfo. Punizione di Rossetti, la barriera gialloverde si apre un po’ troppo, e il pallone finisce per filtrare sorprendendo Merelli. Il gol carica i bresciani, ma al 18’ replica la Colognese grazie ad un super Floriano che in azione di contropiede due contro due, parte da metàcampo, porta avanti tutta da solo l’azione, entra in area si smarca di un primo difensore, ne dribbla un altro e batte poi a rete infilando sul secondo palo: 1 a 1 e la qualificazione sembra cosa fatta.
Ma il Darfo nel giro di due minuti riapre il discorso, riportandosi in vantaggio con Rossetti che ribatte in rete una precedente conclusione che era incocciata sul palo. Al 28’ è Prandini a sgusciare via nei pressi della linea di fondo e mettere dentro il pallone per la deviazione vincente ancora dell’attaccante argentino Rossetti.
A dover recuperare tocca così alla Colognese ma, nonostante gli attacchi degli ultimi minuti, il 2 a 3 non arriva ed il Darfo gestisce alla grande il risultato qualificandosi per il secondo turno.

Falsettini: «Abbiamo reagito alla grande».

Marco Falsettini a fine gara non può che essere soddisfatto. La gara d’andata non lo aveva convinto. Oggi i critici possono ricredersi: «La cosa più importante era vedere la squadra con una mentalità che non avevo visto domenica scorsa poi è venuto un bel risultato e questa è la conseguenza delle buone cose fatte per tutta la gara».
REAZIONE doveva essere e reazione c’è stata: «Domenica abbiamo subito troppo - continua Falsettini - ed eravamo entrati in campo con la fatica: oggi abbiamo cercato di imporci nel primo tempo e nel secondo siamo esplosi. Non ero depresso dopo la prima gara, non sono euforico ora: dobbiamo continuare così, la squadra sta crescendo». Fra i dati positivi i recuperi di alcuni titolari: «Prandini ha disputato una ottima partita, Rossetti ha fatto un passo avanti sul piano della forma, quando tutti sono in condizione abbiamo tanta qualità». Tatticamente il tecnico ha cambiato formula: «Ho fatto un 4-2-3-1 cercando di andare maggiormente negli spazi. Oggi sicuramente la squadra si è espressa molto bene a livello di personalità: abbiamo la possibilità di giocare in alcuni modi, vedremo per domenica».
IL PROTAGONISTA assoluto è stato Pablo Rossetti con una tripletta che non segnava da quando, dopo l’esperienza con il Chiari, passò a giocare al Cologna Veneta di Loris Boni, sempre in serie D: «Non stavo benissimo - rivela il bomber - da dieci giorni ho un problema alla schiena, ho giocato grazie agli antidolorifici: ora speriamo di partire bene in campionato con il piede giusto». Per il futuro il «Pampa» ha un pensiero: «Siamo stati criticati domenica scorsa ma abbiamo dimostrato che potevamo passare il turno. Aspetto Garrone e Gonzales: possiamo giocare anche tutti insieme. Vedremo se l’allenatore deciderà di puntare su una soluzione offensiva così».

_________________
Mar 28 Ago 2007, 9:53 Profilo Invia messaggio privato MSN
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Ed ecco il Giornale di Brescia.

Ai camuni bastano i primi 23 minuti della ripresa per ribaltare lo 0-2 subìto sul campo di casa. Tripletta di Pablo Rossetti. Impresa del Darfo Boario: espugnata Cologno.

Colognese 1 - Darfo Boario 3

COLOGNESE: Merelli, Galluccio (17’ st Maffioletti), Chinelli, Aliotta, Valtulini, Poletti (23’ pt Gusmini), Menalli, Nichesola, Valenti, Salandra, Floriano (26’ st Pastori). All. Stefano Vecchi.

DARFO BOARIO: Milesi, Lodetti, Ragnoli, Taboni, Poma (27’ pt Stefani ( 35’ st da Giorgi), Mosa, Prandini (28’ st Curnis), Longo, Guazzo, Gherardi, Rossetti. All. Marco Falsettini.

Reti: 5’ st Rossetti, 18’ st Floriano, 20’ st Rossetti, 28’ st Rossetti.

Note - Ammoniti: 17’ pt Salandra, 12’ st Galluccio. Espulsi: 40’ st Longo per somma di ammonizioni. Note: spettatori 200 circa. Calci d’angolo 6-3 per il Darfo Boario.

COLOGNO AL SERIO - Nessuno avrebbe scommesso sul Darfo Boario tranne... il Darfo Boario. L’impresa sportiva bresciana del primo turno di Coppa Italia è targata neroverde: dallo 0-2 dell’andata all’1-3 maturato ieri al Locatelli di Cologno, risultato che consente ai ragazzi di Falsettini di proseguire il cammino in Coppa Italia e presentarsi con un gran bel biglietto da visita alla prima di campionato. Sulla vittoria, una firma d’autore, quella di Pablo Rossetti autore di una tripletta che ha mandato in delirio i tifosi neroverdi scesi in terra bergamasca senza troppe aspettative.
Dopo un primo tempo alla camomilla, le emozioni si sono concentrate tutte nel secondo tempo. Al 5’, il risultato si sblocca: punizione dal limite, Gherardi tocca per Rossetti che con una rasoiata perfetta trova l’angolo giusto alla sinistra dell’estremo difensore bergamasco. È il «la» alla rimonta, anche se poco dopo arriva il pareggio: Floriano prende palla sulla trequarti e si invola verso la porta avversaria, entra in area, mette a sedere Longo e con un destro preciso mette dentro.
Sembra il colpo del ko per Gherardi e compagni, ma basta un giro di lancette per rimettere tutto in discussione. Da una punizione del capitano, la palla arriva a Guazzo che calcia di prima intenzione: la sfera sbatte sul palo e Rossetti da due passi insacca. I bergamaschi crollano e i camuni capiscono che è il momento di chiudere la partita: al 24’ Prandini calcia da fuori area e costringe Merelli alla parata a terra e al 28’ lo stesso attaccante confeziona un numero dei suoi. Dal fondo, salta due avversari, entra in area e serve Rossetti che deve solo toccare la sfera per il gol del 3-1.
Falsettini concede a Prandini la passerella e lo richiama in panchina. Nell’ultimo quarto d’ora c’è spazio per l’espulsione di Longo per somma di ammonizioni e un presunto fallo di mano di Ragnoli in area al 39’ che fa gridare al rigore la tribuna dello stadio. La chiusura è ancora di marca neroverde, con un Guazzo alla ricerca del primo gol ufficiale che raccoglie un passaggio di Taboni e da posizione defilata in area manda sull’esterno della rete. Dopo cinque minuti di recupero, l’arbitro manda tutti sotto la doccia. I giocatori vanno sotto il settore ospiti a fare il pieno di applausi. Il campionato può cominciare col sorriso.

IL DOPOPARTITA.
In delirio la tifoseria neroverde Falsettini: «È un risultato che fa morale».


«Vi vogliamo così», cantavano gli ultras neroverdi ai giocatori a fine gara. Mister Falsettini incassa i complimenti, ma non si scompone: niente drammi all’andata, niente euforia al ritorno. Solo la consapevolezza di aver fatto un passo avanti. «Un piccolo passo avanti», sottolinea l’allenatore milanese. «È sicuramente un risultato importante che fa morale e ci consente di arrivare alla prima di campionato col sorriso sulle labbra». E sulla prestazione dei suoi osserva: «Ho visto buone cose già nel primo tempo, poi nei secondi 45 minuti abbiamo trovato i gol e siamo stati bravi a gestire la partita. La squadra sta acquisendo la mentalità giusta».
Nota di merito per i giovani come Lodetti e Prandini che sembrano essersi inseriti al meglio nei meccanismi della squadra. «I giovani devono essere il completamento e devono servire a dare l’apporto in più ad una squadra che comunque deve gettare le proprie basi su giocatori di esperienza», puntualizza Falsettini. «Fin dal primo giorno ho sottolineato che la nostra squadra può contare su giovani di grande qualità e oggi ne abbiamo avuto la conferma. Andiamo avanti così».
Facce lunghe (ma non troppo) sulla sponda bergamasca. «Abbiamo disputato un ottimo primo tempo», commenta Stefano Vecchi. «Avevo chiesto ai miei di abbassare i ritmi di gioco e l’abbiamo fatto alla perfezione. Le uniche fiammate sono arrivate da parte nostra». Nella ripresa, però, qualcosa è andato storto... «Dopo l’uno a uno ci siamo seduti, abbiamo completamente sbagliato atteggiamento mentale e siamo andati sotto. I gol? Tre ingenuità difensive imperdonabili che non dovranno ripetersi più. Adesso ci prepariamo al campionato».
Pablo Rossetti è l’eroe della giornata. Tre gol, la prima tripletta in maglia neroverde. «Sono contento della mia prova perché ho fatto tre gol importanti che fanno morale, soprattutto in vista della prima di campionato. Domenica andiamo a Merate, sarà sicuramente un’altra battaglia. Dovremo giocare tutte le partite con la mentalità del secondo tempo».

_________________
Mar 28 Ago 2007, 9:58 Profilo Invia messaggio privato MSN
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Ieri sera ho visto la sintesi della partita, sul primo goal del Darfo Merelli non mi pare esente dal colpe, sulla punizione è partito in netto ritardo e si è buttato in modo goffo; però anche sul momentaneo pari della Colognese c'è da ridire, bella azione ma prendere un contropiede del genere quando manca ancora mezz'ora alla fine è da suicidio. Però bel goal di Floriano. Sugli altri due goal poco da dire, forse c'era un rigore per la Colognese negli ultimi minuti ma dalle immagini non si è capito bene se il fallo di mano era punibile o meno, il braccio sembrava attaccato al corpo.

Il Darfo sicuramente ha giocato meglio che all'andata, il 4-4-2 si è dimostrato il modulo più azzeccato, in cosiderazione del ritorno di Prandini sulla fascia sinistra probabilmente il migliore dei suoi. Chissà se Falsettini riproverà a giocare col 4-3-3 o il 4-3-1-2, certo è che se dovesse riprovare uno di questi due moduli un altro centrocampista di peso serve. Però il Darfo riuscirà a rinunciare a 2 dei suoi 4 attaccanti di valore? Garrone, Rossetti, Guazzo e Gonzalez sarebbero titolari ovunque, però l'ex Brescia potrebbe adattarsi e giocare a centrocampo sulla fascia, sempre che col discorso degli under si possa mettere in campo una squadra equilibrata. Intanto attorno a Gonzalez c'è da registrare una bella storia, se non barzelletta, non è ancora arrivato il suo trasnfer e il giocatore giocava nella Cagliese (Serie D delle Marche), motivo? L'addetto della Federazione per questa operazione è in ferie, da notare che il giocatore è passato al Darfo a fine giugno!

_________________
Mar 28 Ago 2007, 10:08 Profilo Invia messaggio privato MSN
simone cologno
Simpatizzante



Registrato: 13/03/07 16:22
Messaggi: 352
Residenza: Cologno al Serio(BG)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
porco diaz Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil Evil or Very Mad Evil or Very Mad

_________________
Solo forza atalanta
Mar 28 Ago 2007, 10:11 Profilo Invia messaggio privato
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
simone cologno ha scritto:
porco diaz Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil Evil or Very Mad Evil or Very Mad


Dai dai su col morale, anche lo scorso anno avete fatto la stessa cosa in coppa e poi in campionato avete fatto bene.

Messaggio per Giulio, ieri nessuna trasmissione, mi sa che ti chiameranno un'altra volta, magari per il campionato?

_________________
Mar 28 Ago 2007, 10:13 Profilo Invia messaggio privato MSN
DeaInMyHeart
Seguace della Dea



Registrato: 17/08/04 20:29
Messaggi: 1454
Residenza: Bergamo

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Caveman ha scritto:
Ieri sera ho visto la sintesi della partita, sul primo goal del Darfo Merelli non mi pare esente dal colpe, sulla punizione è partito in netto ritardo e si è buttato in modo goffo; però anche sul momentaneo pari della Colognese c'è da ridire, bella azione ma prendere un contropiede del genere quando manca ancora mezz'ora alla fine è da suicidio. Però bel goal di Floriano. Sugli altri due goal poco da dire, forse c'era un rigore per la Colognese negli ultimi minuti ma dalle immagini non si è capito bene se il fallo di mano era punibile o meno, il braccio sembrava attaccato al corpo



- sul primo gol darei l'80% della colpa alla barriera che si è palesemente aperta, il 20 % al portiere Merelli.

- sul rigore, secondo me rivisto alle immagini ce ne poteva stare uno su Salandra nel primo tempo che l'arbitro ha sanzionato (e in questo ha toppato di sicuro) col giallo per simulazione. Comunque nulla di scandaloso.

- sulla trasmissione, in effetti, bruno, mi era stato detto durante il campionato. pensavo che magari la trasmissione partisse già ieri sera con l'eventualità quindi che mi interpellassero.

ciao

_________________
cosa vuoi che sia… passa tutto quanto… solo un po' di tempo e ci riderai su (Ligabue)

Il vero io è quello che tu sei e non quello che hanno fatto di te (P. Coelho)

Credo per credere, certi momenti, serve molta energia (RadioFreccia, Liga)
Mar 28 Ago 2007, 15:48 Profilo Invia messaggio privato
simone cologno
Simpatizzante



Registrato: 13/03/07 16:22
Messaggi: 352
Residenza: Cologno al Serio(BG)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
ma su che programma?

_________________
Solo forza atalanta
Mar 28 Ago 2007, 15:54 Profilo Invia messaggio privato
DeaInMyHeart
Seguace della Dea



Registrato: 17/08/04 20:29
Messaggi: 1454
Residenza: Bergamo

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
simone cologno ha scritto:
ma su che programma?


TeleBoario. è un emittente della Val Camonica, che fa un programma sulla D. si vede in provincia di Bergamo ma solo in parte della Val Seriana e Val Cavallina (medio-alto Lago d'Iseo). ciao Wink

_________________
cosa vuoi che sia… passa tutto quanto… solo un po' di tempo e ci riderai su (Ligabue)

Il vero io è quello che tu sei e non quello che hanno fatto di te (P. Coelho)

Credo per credere, certi momenti, serve molta energia (RadioFreccia, Liga)
Mar 28 Ago 2007, 19:42 Profilo Invia messaggio privato
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Giusto, quindi Simone devi trovare casa dalle mie parti!

Giulio io sul primo goal ho qualche perplessità, a parte che la barriera come dici tu si è aperta, ma era stata posizionata malissimo. Poi la punizione andata al rallentatore e poteva tuffarsi molto prima, a me pare sia rimasto molto sorpreso di trovarsi la palla lì. Comunque ho visto solo due volte quel goal.

_________________
Mar 28 Ago 2007, 19:52 Profilo Invia messaggio privato MSN
Mostra prima i messaggi di:    
Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Serie A, B e leghe inferiori, Coppe e Nazionali Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 16, 17, 18  Successivo
Pagina 17 di 18
Vai a: 
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Sicurezza con CBACK CrackerTracker.

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Design by Freestyle XL / Flowers Online.phpbb.it