Indice del forum
RegistratiCercaFAQLista utentiGruppiLog in
Quanti segreti rubati alla Ferrari

 
Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Altri sport Precedente
Successivo
Quanti segreti rubati alla Ferrari
Autore Messaggio
robyrobyla
Amministratore



Registrato: 17/08/04 13:58
Messaggi: 2961
Residenza: Seriate (Bg)

Messaggio Quanti segreti rubati alla Ferrari
Descrizione:
Rispondi citando
Quanti segreti rubati alla Ferrari
Stampa Articolo Stampa articolo | Invia Articolo Invia articolo | Commenti:6 Di' la tua
La spy story. Non solo i disegni della F2007 tra i dati portati via da Maranello. Tutti i report di gare e prove trovati tra i file sottratti. Ora Stepney rischia quattro anni di carcere
Nigel Stepney ai tempi della Ferrari. Omega
Nigel Stepney ai tempi della Ferrari. Omega
MILANO, 14 luglio 2007 - Aveva ragione Montezemolo quando sosteneva che "verrà fuori una brutta verità". Oramai tutti gli indizi sulla spy story che vede la Ferrari vittima di un raggiro ordito dal proprio ex capo meccanico Nigel Stepney vanno in quella direzione. E siamo solo agli inizi. Ma ogni giorno c’è una sorpresa. Spiacevole. Ieri l’altro, ad esempio, la Fia ha ufficialmente incriminato la McLaren: come dire che nelle mani della federazione ci sono prove inconfutabili, altrimenti un tipo attento come Max Mosley non rischierebbe la faccia. Nel frattempo, a Maranello sono cominciati i setacciamenti negli uffici di alcuni ingegneri per stabilire se Stepney abbia avuto dei complici.
Ma lo stesso Stepney, che come tutti gli inglesi preferisce confidarsi ai giornali di casa, ha fatto presente al Sunday Times che al momento opportuno potrebbe tirar fuori dall’armadio i "cadaveri degli ultimi 14 anni di Ferrari". Ovvero: attenti, perché io so tante cose scomode.
Per cui la battaglia legale si dipanerà tra confini reali e confini oscuri. Tra verità evidenti e verità taciute. Che forse hanno un prezzo ancora più alto. Una brutta storia. Con tanti interrogativi. Uno su tutti: pare che con la partenza di Ross Brawn dalla Ferrari, fossero state tolte a Stepney le chiavi elettroniche d’accesso al sistema di realizzazione della F2007. Ma poiché il tecnico inglese - a detta di Coughlan - disponeva di disegni e dischetti, evidentemente ha trovato il modo per rientrare nei file più riservati del sistema. Lo ha fatto da solo? Ha avuto una mano da qualcuno? I misteri non finiscono qui.
1 - Possibile che nessuno in Ferrari si fosse reso conto della pericolosità di Stepney pensando di interromperne il contratto, dopo che questi aveva avanzato richieste impossibili da soddisfare entro la nuova struttura?
Stepney, in Ferrari, rispondeva solo a Ross Brawn e Jean Todt. Brawn a fine 2006 non c’era più. E forse Todt ha sottovalutato il pericolo di tenersi in casa un elemento degradato nel ruolo, inviperito dalle nuove nomine - Almondo e Domenicali a capo della Ges, Baldisserri responsabile in pista - e pronto a trovare soddisfazione in altro modo alle proprie ambizioni amputate. Sarebbe stato più saggio liquidarlo subito, per non correre rischi: il denaro è l’ultimo dei problemi di un grande team.
2 - In ballo ci sono solo i disegni della F2007, che nell’ambiente sono reputati già obsoleti, o c’è altro?
Ci sono le relazioni di tutti i GP del 2006 più (sembra) le prime corse di quest’anno. Si tratta di dossier che comprendono le telemetrie delle due macchine dal venerdì alla domenica, le temperature delle gomme nelle varie condizioni, i dettagli sull’assetto, l’aerodinamica, il funzionamento del motore e altro ancora. Un piccolo tesoro che sul piano tecnico vale più di un progetto intero. E’ da vedere se dall’inchiesta risulterà che qualcuno, in McLaren, ha visto questi "report", oppure se sono rimasti nei file di Stepney, che in questo caso aveva pieno diritto a usufruirne, per il lavoro che svolgeva.
3 - E’ possibile che la spy story diventi una bolla di sapone?
[La McLaren potrebbe anche uscirne con una ammenda, se risultasse che non ha mai visto il materiale che è stato asportato alla Ferrari. Però, se solo il proprio coordinatore tecnico Jonathan Neale avesse dato un’occhiata, come sta emergendo, a ciò che il duo Stepney-Coughlan proponeva, la McLaren diverrebbe automaticamente colpevole. Con pene in crescendo a secondo quanto ha avuto sotto mano, più che per i vantaggi pratici guadagnati. Perché la MP4/22 - va sottolineato - è una vettura all’opposto della Ferrari e non ha nulla della F2007. La McLaren rischia di vedersi cancellare tutti i punti ottenuti. A vantaggio di una Ferrari quasi iridata.
4 - Possibile che il titolare della McLaren, Ron Dennis, non sapesse niente? E la Mercedes, che ha il 40% delle azioni McLaren?
Dennis è una persona dura, difficile, ma sostanzialmente onesta. Si è fatto dal nulla, non rischierebbe mai - sino a prova contraria - di far naufragare il sogno della sua vita in cambio dei disegni e dei dati di una marca concorrente, proprio lui che ha sempre innovato - con la Ferrari che su cose importanti spesso lo ha copiato - andando per la sua strada. Tra l’altro, ha subito messo a disposizione della Fia qualunque ispezione in fabbrica. Quanto alla Mercedes, sinora è prevalso il silenzio.
5 - Ci sono dei precedenti del genere nella storia Ferrari?
Sì, uno risale al 1966 quando, facendolo rientrare da Le Mans dove stava disputando le prove ufficiali della 24 Ore, Enzo Ferrari risolse il contratto con John Surtees, il quale secondo il costruttore aveva passato dati importanti alla Lola, che stava allestendo una macchina di F.1 per la Honda. In compenso, in Ferrari comparve a un certo punto una testata di motore Honda 4 cilindri 500 da moto GP che "ispirò" parecchio un propulsore V12 di F.1...
Pino Allievi

_________________

...Su di noi dicono tante falsità
ci dipingono con ogni genere di menzogne
e ci gettano addosso tutto il fango possibile
ma l'unica verità è che siamo Trafficanti di Sogni...

Ultras Atalanta
Sab 14 Lug 2007, 9:46 Profilo Invia messaggio privato MSN
cesco79
Simpatizzante



Registrato: 05/04/07 10:33
Messaggi: 332
Residenza: Seriate

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
mah aspetto a dare giudizi pero' una cosa è certa: basta prendere tecnici stranieri...la Ferrari è italiana e spero che dopo questa spiacevole vicenda assuma ancor di + tecnici Italiani...( x me arrivare in Ferrari è il massimo raggiungibile per un ingegnere o un tecnico)...basta inglesi , Francesi o altro ...io la vedo così poi magari mi sbaglio....

_________________
Mi chiedo come sarà l'inverno Con una primavera che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la notte Con un giorno che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la vita Con una luce che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la vita Con un dolore che dura in eterno
In ogni notte c'è un nero diverso In ogni notte desidero tornare
Al tempo in cui cavalcavo Attraverso le foreste antiche
In ogni inverno c'è un freddo diverso In ogni inverno mi sento così vecchio
Molto vecchio così come la notte Molto vecchio così come il terribile freddo
Sab 14 Lug 2007, 10:05 Profilo Invia messaggio privato
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
A me sta storia puzza, i progetti il tipo li aveva in mano, ma perchè fare le copie in una comune fotocpisteria col rischio di farsi beccare e non in McLaren?

Poi ho la sensazione che la possibilie penalizzazione non verrà fatta secondo il reato commesso ma con un preciso calcolo, quello di riaprire il Mondiale, visto che secondo me le cose per la Ferrari nella classifica piloti le vedo messe molto male.

_________________
Mar 24 Lug 2007, 11:55 Profilo Invia messaggio privato MSN
robyrobyla
Amministratore



Registrato: 17/08/04 13:58
Messaggi: 2961
Residenza: Seriate (Bg)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
McLaren "non colpevole"
Dati passati, ma non usati
Stampa Articolo Stampa articolo | Invia Articolo Invia articolo | Commenti:347 Di' la tua
Questa la conclusione comunicata dalla Fia: la scuderia di Woking è stata assolta con formula totale, ma se la Ferrari dovesse dimostrare effettivi danni in futuro il processo potrebbe essere riaperto. Dennis: "Punizione proporzionale"
Ron Dennis, numero uno della scuderia McLaren . Ansa
Ron Dennis, numero uno della scuderia McLaren . Ansa
PARIGI (Fra), 26 luglio 2006 - La McLaren non è stata penalizzata per il possesso di documenti confidenziali appartenenti alla Ferrari. Il Consiglio Mondiale della Fia, riunito in seduta straordinaria oggi a Parigi, non ha inflitto una immediata sanzione al team di Woking sia dal punto di vista sportivo che pecuniario, nonostante sia stato violato l'articolo 151c del codice sportivo internazionale.
IL COMUNICATO FIA - Nel comunicato ufficiale diffuso al termine dell'udienza, la Fia sottolinea che "la McLaren era in possesso di informazioni confidenziali in violazione dell'articolo 151" ma aggiunge che "nello stesso momento c'è una insufficienza di prove che queste informazioni siano state usate in qualunque maniera per interferire impropriamente con il mondiale quindi è impossibile stabilire delle penalizzazionì".
FUTURO INCERTO - Il consiglio mondiale della federazione sottolinea ancora che "se in futuro emergerà che queste informazioni sono state usate ai danni del campionato ci riserviamo come consiglio mondiale della federazione di invitare di nuovo davanti a noi la McLaren che dovrà fronteggiare la possibilità di esclusione non solo dalla stagione 2007 ma anche in quella del 2008". Nell'ultimo capoverso del comunicato il consiglio mondiale della Fia invita Nigel Stepney (ex Ferrari) e Mike Coughlan (McLaren) a "spiegare le ragioni per cui non dovrebbero essere allontanati dall'International Motosport per un periodo lungo". Il consiglio mondiale ha delegato il dipartimento legale della Fia ad occuparsi di questa materia.
DENNIS - "La punizione è allo stesso livello del crimine". Ron Dennis, patron della McLaren, non ha detto altro al termine della riunione del Consiglio mondiale della Fia sul caso di spionaggio ai danni della Ferrari.
IL DIBATTIMENTO - "L'unica cosa a cui siamo interessati è la verità". Lo aveva detto il numero uno della scuderia McLaren Ron Dennis entrando stamattina nella sede della Fia. "Per il resto - aveva aggiunto - vedremo più tardi". Davanti alla sede della Fia, in Place de la Concorde, decine di giornalisti e cineoperatori da tutto il mondo, all'assalto dei 26 componenti del Consiglio mondiale che man mano arrivano. Attorno alle 13, Ron Dennis è uscito dalla sede Fia rilasciando un'unica dichiarazione: "Mi concedo una pausa per mangiare, si tratta di un processo duro". Probabile che tutto il Consiglio si sia concesso una sosta. Dopo poco più di quaranta minuti di pausa per il pranzo, è ripresa l'udienza del Consiglio mondiale della Fia. Il patron della scuderia britannica, Ron Dennis, è rientrato accompagnato dagli avvocati.
gasport

_________________

...Su di noi dicono tante falsità
ci dipingono con ogni genere di menzogne
e ci gettano addosso tutto il fango possibile
ma l'unica verità è che siamo Trafficanti di Sogni...

Ultras Atalanta
Gio 26 Lug 2007, 17:12 Profilo Invia messaggio privato MSN
Mostra prima i messaggi di:    
Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Altri sport Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1
Vai a: 
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Sicurezza con CBACK CrackerTracker.

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Design by Freestyle XL / Flowers Online.phpbb.it