Indice del forum
RegistratiCercaFAQLista utentiGruppiLog in
Gigi D'Alessio per il 5 maggio...
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7
 
Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Centenario 1907 - 2007: 100 anni di Atalanta Precedente
Successivo
Gigi D'Alessio per il 5 maggio...
Autore Messaggio
robyrobyla
Amministratore



Registrato: 17/08/04 13:58
Messaggi: 2961
Residenza: Seriate (Bg)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Si xò c'è una differenza... stavolta non sono stati gli ultras a metterci il becco ma è stata la voce della maggioranza del popolo bergamasco (emblematici i messaggi apparsi in diretta a tutto atalanta e le centinaia di lamentele ricevute su atalantini).

Han sbagliato... ma gli costa fatica ammetterlo!

RoB!

_________________

...Su di noi dicono tante falsità
ci dipingono con ogni genere di menzogne
e ci gettano addosso tutto il fango possibile
ma l'unica verità è che siamo Trafficanti di Sogni...

Ultras Atalanta
Lun 30 Apr 2007, 16:33 Profilo Invia messaggio privato MSN
macciu
Dea dipendente



Registrato: 18/08/04 13:28
Messaggi: 4337
Residenza: Castelli Calepio(Bg)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Però ragazzi se è stata fatta sisinformazione sul pensiero della curva, questa disinformazione ha colpito anch eRuggeir, in ARgentina, che non senguendo la cosa di persona ha solo risposto alle voci...E la sua accusa di pseudotifosi è da interpretare in questo senso: per lui se davvero c'è gente che non vuole Gigi D'Alessio per questioni razziali, allora questi sono pseudotifosi...
Non ha mica detto "la curva Nord" parlava di quella che credeva una minoranza in base alle voci che gli arrivavano....

_________________


Quanto è bella mia cugina Bianca,top model!

www.biancabalti.com

Guarda i miei video!

http://www.youtube.com/watch?v=-sus82vGDi8

http://www.youtube.com/watch?v=8A9u5bjWLMY
Mar 01 Mag 2007, 1:25 Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage MSN
robyrobyla
Amministratore



Registrato: 17/08/04 13:58
Messaggi: 2961
Residenza: Seriate (Bg)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Rerum cognoscere causas



Felix qui potuit rerum cognoscere causas…

“Felice chi ha potuto conoscere le cause delle cose”

Bellissimo verso virgiliano. Il poeta antico, nativo di Mantova ma innamorato di Napoli (ehm), lo scrive nelle sue “Georgiche” alludendo al saggio epicureo che, illuminato dalla filosofia, è giunto a possedere le “rerum causas”, le cause delle cose.

Verso che moltissimi però, anche assai colti, spesso dimenticano.

Spesso e volentieri. Purtroppo.

Ultimo esempio in questi giorni. I tifosi atalantini hanno manifestato scarso gradimento verso l’ipotizzata presenza del cantante napoletano Gigi d’Alessio al concerto per il centenario della loro squadra. L’artista ha rinunciato. L’evento è stato cancellato. Sono giunte le scuse della società nerazzurra, una nota del d’Alessio medesimo e, prevedibile, il polverone mediatico: nobili e illuminate prese di posizione di sindaci, sindacalisti, intellettuali e scienziati bergamaschi contro la figuraccia che gli ultras (solo loro?) avrebbero fatto fare alla città.

E giù a dar dei razzisti retrivi.

Senza capire che la prossima volta, proprio a motivo dell’ennesima lezioncina poltically correct, potrebbe andare ancora peggio.

E senza chiedersi, naturalmente, le “rerum causas”.

Perché?

Perché la stessa curva che ama il nero Makinwa e il terrone Migliaccio in campo con la maglia dell’Atalanta, non vuole d’Alessio sul palco a celebrare l’Atalanta?

Forse converrebbe chiederselo, prima di emettere giudizi di disarmante scontatezza.

Bergamasco della diaspora, emigrato 35 anni fa, azzardo un’ipotesi (non certezze) per provare a rispondere.

Temo che lo scarso entusiasmo di parecchi Bergamaschi (mica solo degli ultras, date retta) all’idea del d’Alessio al centenario della loro dea, derivi anche da un sottile senso di disprezzo di cui, proprio in quanto bergamaschi, quei tifosi si sentono oggetto. Spesso, e lo dico perché lo vedo e lo sento, ciò che attiene a Bergamo è visto, da fuori, con malcelato senso di superiorità. Ci sono città e tifoserie che godono di buona, od ottima, stampa, e cui alla fine si perdona quasi tutto; e ce ne sono altre, come la nostra, che, a prescindere, vengono ritenute violente, incontrollabili, pericolose. E cui non si perdona quasi nulla. Pensate il derby romano interrotto un paio di stagioni fa; pensate i morti che hanno sulla coscienza le due tifoserie milanesi: eppure, vuoi mettere come sono cattivi quelli di Bergamo, che pure notoriamente non usano lame e non hanno mai fatto vittime?

La cosa, fra l’altro, non concerne solo l’ambito calcistico: un sorrisino pressoché di compatimento può di volta in volta riguardare, che so?, il dialetto bergamasco (sapido e argutissimo, ma altrove giudicato orribile e rozzo; mentre altri dialetti sono gratificati del titolo di “lingue”), l’operosità bergamasca (contrapposta nella sua basica serietà all’allegro arrangiarsi altrui) o la bergamasca iniziale sobrietà, quasi diffidenza, nei rapporti umani (cui risponde facile cordialità a latitudini diverse).

Questi pregiudizi, e non solo questi, il Bergamasco se li sente addosso. E alla fine credo pesino. Al punto magari da far scattare un orgoglio discutibile, certo, ma risentito, non razzista. O che, se mai, reagisce a un razzismo subìto.

Siamo, come tifosi, i più terribili di tutti (e non è vero)? Siamo, come gente, arretrati, chiusi, ottusi, capaci solo di lavorare e parlare un dialetto orribile (e non è vero)? Siamo i montanari della Val Brembana? Bergamini, muratori e nient’altro?
Bene. Benissimo. Però la nostra squadra e la nostra bandiera la festeggiamo noi, con i nostri cantanti e i nostri amici.
Tutti questi altri che ci sono superiori in tutto, per una volta, quella volta lì, non ce li vorremmo. Perché li sentiremmo imposti da fuori e sostanzialmente estranei ai nostri desideri e ai nostri sentimenti.

Pensare così è far fare una figuraccia alla città, come pretende l’intellighenzia che va in tribuna vip? Forse no. Forse è amarla e viverla per ciò che è. E per come è considerata.



by Secundus

articolo preso da atalantini

mi pare un bellissimo articolo di ottima fattura.

RoB!

_________________

...Su di noi dicono tante falsità
ci dipingono con ogni genere di menzogne
e ci gettano addosso tutto il fango possibile
ma l'unica verità è che siamo Trafficanti di Sogni...

Ultras Atalanta
Mar 01 Mag 2007, 8:27 Profilo Invia messaggio privato MSN
dani88
Utente base



Registrato: 26/04/07 16:36
Messaggi: 11

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
quoto in pieno l'articolo proposto da RoB!!!!!!!!!!
Mar 01 Mag 2007, 16:42 Profilo Invia messaggio privato
Pajkar
Seguace della Dea



Registrato: 02/06/05 09:26
Messaggi: 1438
Residenza: Canton Ticino

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
robyrobyla ha scritto:
Rerum cognoscere causas



Felix qui potuit rerum cognoscere causas…

“Felice chi ha potuto conoscere le cause delle cose”

Bellissimo verso virgiliano. Il poeta antico, nativo di Mantova ma innamorato di Napoli (ehm), lo scrive nelle sue “Georgiche” alludendo al saggio epicureo che, illuminato dalla filosofia, è giunto a possedere le “rerum causas”, le cause delle cose.

Verso che moltissimi però, anche assai colti, spesso dimenticano.

Spesso e volentieri. Purtroppo.

Ultimo esempio in questi giorni. I tifosi atalantini hanno manifestato scarso gradimento verso l’ipotizzata presenza del cantante napoletano Gigi d’Alessio al concerto per il centenario della loro squadra. L’artista ha rinunciato. L’evento è stato cancellato. Sono giunte le scuse della società nerazzurra, una nota del d’Alessio medesimo e, prevedibile, il polverone mediatico: nobili e illuminate prese di posizione di sindaci, sindacalisti, intellettuali e scienziati bergamaschi contro la figuraccia che gli ultras (solo loro?) avrebbero fatto fare alla città.

E giù a dar dei razzisti retrivi.

Senza capire che la prossima volta, proprio a motivo dell’ennesima lezioncina poltically correct, potrebbe andare ancora peggio.

E senza chiedersi, naturalmente, le “rerum causas”.

Perché?

Perché la stessa curva che ama il nero Makinwa e il terrone Migliaccio in campo con la maglia dell’Atalanta, non vuole d’Alessio sul palco a celebrare l’Atalanta?

Forse converrebbe chiederselo, prima di emettere giudizi di disarmante scontatezza.

Bergamasco della diaspora, emigrato 35 anni fa, azzardo un’ipotesi (non certezze) per provare a rispondere.

Temo che lo scarso entusiasmo di parecchi Bergamaschi (mica solo degli ultras, date retta) all’idea del d’Alessio al centenario della loro dea, derivi anche da un sottile senso di disprezzo di cui, proprio in quanto bergamaschi, quei tifosi si sentono oggetto. Spesso, e lo dico perché lo vedo e lo sento, ciò che attiene a Bergamo è visto, da fuori, con malcelato senso di superiorità. Ci sono città e tifoserie che godono di buona, od ottima, stampa, e cui alla fine si perdona quasi tutto; e ce ne sono altre, come la nostra, che, a prescindere, vengono ritenute violente, incontrollabili, pericolose. E cui non si perdona quasi nulla. Pensate il derby romano interrotto un paio di stagioni fa; pensate i morti che hanno sulla coscienza le due tifoserie milanesi: eppure, vuoi mettere come sono cattivi quelli di Bergamo, che pure notoriamente non usano lame e non hanno mai fatto vittime?

La cosa, fra l’altro, non concerne solo l’ambito calcistico: un sorrisino pressoché di compatimento può di volta in volta riguardare, che so?, il dialetto bergamasco (sapido e argutissimo, ma altrove giudicato orribile e rozzo; mentre altri dialetti sono gratificati del titolo di “lingue”), l’operosità bergamasca (contrapposta nella sua basica serietà all’allegro arrangiarsi altrui) o la bergamasca iniziale sobrietà, quasi diffidenza, nei rapporti umani (cui risponde facile cordialità a latitudini diverse).

Questi pregiudizi, e non solo questi, il Bergamasco se li sente addosso. E alla fine credo pesino. Al punto magari da far scattare un orgoglio discutibile, certo, ma risentito, non razzista. O che, se mai, reagisce a un razzismo subìto.

Siamo, come tifosi, i più terribili di tutti (e non è vero)? Siamo, come gente, arretrati, chiusi, ottusi, capaci solo di lavorare e parlare un dialetto orribile (e non è vero)? Siamo i montanari della Val Brembana? Bergamini, muratori e nient’altro?
Bene. Benissimo. Però la nostra squadra e la nostra bandiera la festeggiamo noi, con i nostri cantanti e i nostri amici.
Tutti questi altri che ci sono superiori in tutto, per una volta, quella volta lì, non ce li vorremmo. Perché li sentiremmo imposti da fuori e sostanzialmente estranei ai nostri desideri e ai nostri sentimenti.

Pensare così è far fare una figuraccia alla città, come pretende l’intellighenzia che va in tribuna vip? Forse no. Forse è amarla e viverla per ciò che è. E per come è considerata.



by Secundus

articolo preso da atalantini

mi pare un bellissimo articolo di ottima fattura.

RoB!


un grande articolo!!!

come molti di quelli che scrive Secundus...

_________________

BiH
Mer 02 Mag 2007, 12:53 Profilo Invia messaggio privato MSN
andrea1907
Seguace della Dea



Registrato: 17/03/06 21:33
Messaggi: 1196
Residenza: Fontanella

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
bell'articolo

_________________
Da
Anni
Sempre
Presenti
Ovunque
Mer 02 Mag 2007, 13:54 Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
GAZZA
Utente base



Registrato: 10/03/06 09:54
Messaggi: 42
Residenza: CANTU' - La Città dei Canestri

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
se invece avessero proposto omar pedrini (l'unico bresciano che potrò mai amare),
ne sarebbe nata la stessa controversia...
ma non avrebbe fatto notizia.
Sto dalla parte di chi non vuole D'Alessio non in quanto napoletano, ma in quanto tifoso di napoli

_________________
CON COSTINHA
PLACHEREMO LA NOSTRA FAME

http://www.youtube.com/watch?v=FnuOUGbm_DQ&mode=related&search
Mer 02 Mag 2007, 14:18 Profilo Invia messaggio privato
Brasa80
Seguace della Dea



Registrato: 06/12/04 18:59
Messaggi: 1176

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
GAZZA ha scritto:
Sto dalla parte di chi non vuole D'Alessio non in quanto napoletano, ma in quanto tifoso di napoli


nonostante le speculazioni mediatiche, la posizione del 99.99% degli atalantini contrari al concerto era questa

_________________
I think I'd rather be at home listening to the Ramones
Mer 02 Mag 2007, 16:28 Profilo Invia messaggio privato MSN
bomber
Tifoso



Registrato: 05/01/06 16:15
Messaggi: 649
Residenza: Bergamanchester

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
strabello l'articolo. e straVERO..

_________________
YOU'LL NEVER WALK ALONE
1907 - L'ANNO DELLA DEA... 1911 - L'ANNO DEL MAIALE
Mer 02 Mag 2007, 17:51 Profilo Invia messaggio privato MSN
soloatalanta
Tifoso



Registrato: 03/05/06 15:57
Messaggi: 735
Residenza: Dalmine,17 anni

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
io non lo volevo...un tifoso del napoli che viene alla festa dell'atalanta...ma invitate ad esempio i simbiosi che hanno fatto il cd qualche hanno fa della curva nord

_________________
http://www.myspace.com/zampagnaunodinoi

GLI ULTRAS SI DIFFERENZIANO DA TUTTI E DEVONO COINVOLGERE TUTTO, SE NON CI FOSSERO GLI ULTRAS SAREBBE UN CINEMA : FAREBBERO TUTTI SILENZIO!
ART.21:TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE

l'ultras non è moda, ma convinzione.Per chi se lo fosse dimenticato... fare l'ultras è reato.

Immagine spettacolare
http://s2.bitefight.it/c.php?uid=5425
Ven 11 Mag 2007, 19:53 Profilo Invia messaggio privato
cesco79
Simpatizzante



Registrato: 05/04/07 10:33
Messaggi: 332
Residenza: Seriate

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Posso dsire la mia??Io credo purtroppo che abbiamo perso contro questa stupidaggine-mediatica 2 volte:
1) come tifosi che ci hanno dipinto come razzisti e leghisti...cosa che mi pare una buffonata
2) come Bergamaschi , che, è vero ,siamo un po' diffidenti , non siamo giocosi ( come i toscani) e caciaroni ( come i romani), ma siamo disposti a spaccarci la schiena per dare una mano a persone in difficoltà ...dalla bassa alle valli...anche fuori dalla nostra amata bergamasca....alla fine siamo stati screditati tutti ( compresa gente che a treviglio si è pagata il biglietto per vedere e sentirer Gigino il napoletano D'Alessio...)e che magari capisce bene il motivo per cui il partenopeo non è desiderato alla festa della Dea

Oltre allo smacco (immenso secondo me) la beffa...GIGI D'ALESSIO ci ha addirittura guadagnato tutta la pubblicità che li abbiamo offerto su un piatto d'argentonon è roba da buttare e Lui da bravo artista partenopeo che ha fatto del "dramma" la sua vita non si è risparmiato in lacrime , gemiti e vittimismo...e chiaramente anche altri artisti gli hanno teso la mano e nn verranno....bravi bravi....io credo che oggi, o forse domani, nn so , se volesse farsi un giro a PIEDI Omar Pedrini (BRIXIA) in centro o in città alta al max riceverebbe qualche coretto ...ma nulla +!! Ora chi si esibirà in concerti qua a Bg???

ditemi voi se non ci abbiamo perso la faccia??tutta colpa di Facchinetti...ma cazzo fai unn sondaggio fuori dello stadio e chiedi ai tifosi "chi volete sentire alla festa del centenario??, annunci sull'Eco un po' di volantini...che organizzazione scandalosa....ma tipo i NOMADI al posto di Gigino no??!!!!

_________________
Mi chiedo come sarà l'inverno Con una primavera che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la notte Con un giorno che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la vita Con una luce che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la vita Con un dolore che dura in eterno
In ogni notte c'è un nero diverso In ogni notte desidero tornare
Al tempo in cui cavalcavo Attraverso le foreste antiche
In ogni inverno c'è un freddo diverso In ogni inverno mi sento così vecchio
Molto vecchio così come la notte Molto vecchio così come il terribile freddo
Dom 17 Giu 2007, 21:29 Profilo Invia messaggio privato
robyrobyla
Amministratore



Registrato: 17/08/04 13:58
Messaggi: 2961
Residenza: Seriate (Bg)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Ottimo discorso... d'accordissimo con te!

RoB!

_________________

...Su di noi dicono tante falsità
ci dipingono con ogni genere di menzogne
e ci gettano addosso tutto il fango possibile
ma l'unica verità è che siamo Trafficanti di Sogni...

Ultras Atalanta
Dom 17 Giu 2007, 21:39 Profilo Invia messaggio privato MSN
cesco79
Simpatizzante



Registrato: 05/04/07 10:33
Messaggi: 332
Residenza: Seriate

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Grazie Rob!

_________________
Mi chiedo come sarà l'inverno Con una primavera che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la notte Con un giorno che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la vita Con una luce che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la vita Con un dolore che dura in eterno
In ogni notte c'è un nero diverso In ogni notte desidero tornare
Al tempo in cui cavalcavo Attraverso le foreste antiche
In ogni inverno c'è un freddo diverso In ogni inverno mi sento così vecchio
Molto vecchio così come la notte Molto vecchio così come il terribile freddo
Lun 18 Giu 2007, 7:49 Profilo Invia messaggio privato
bomber
Tifoso



Registrato: 05/01/06 16:15
Messaggi: 649
Residenza: Bergamanchester

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
per chidere il discorso.. d'alessio ha cantato l'altr sera alla festa promozione del napoli in serie A.. e se non era tifoso lui..

_________________
YOU'LL NEVER WALK ALONE
1907 - L'ANNO DELLA DEA... 1911 - L'ANNO DEL MAIALE
Lun 18 Giu 2007, 17:59 Profilo Invia messaggio privato MSN
cesco79
Simpatizzante



Registrato: 05/04/07 10:33
Messaggi: 332
Residenza: Seriate

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
lasciamo lì dov'è quel piagnone

_________________
Mi chiedo come sarà l'inverno Con una primavera che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la notte Con un giorno che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la vita Con una luce che non vedrò mai
Mi chiedo come sarà la vita Con un dolore che dura in eterno
In ogni notte c'è un nero diverso In ogni notte desidero tornare
Al tempo in cui cavalcavo Attraverso le foreste antiche
In ogni inverno c'è un freddo diverso In ogni inverno mi sento così vecchio
Molto vecchio così come la notte Molto vecchio così come il terribile freddo
Lun 18 Giu 2007, 20:44 Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:    
Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Centenario 1907 - 2007: 100 anni di Atalanta Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7
Pagina 7 di 7
Vai a: 
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Sicurezza con CBACK CrackerTracker.

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Design by Freestyle XL / Flowers Online.phpbb.it