Indice del forum
RegistratiCercaFAQLista utentiGruppiLog in
Intercettazioni Moggi - Pairetto - Arbitri su richiesta!!!
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4
 
Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Serie A, B e leghe inferiori, Coppe e Nazionali Precedente
Successivo
Intercettazioni Moggi - Pairetto - Arbitri su richiesta!!!
Autore Messaggio
zio val
Moderatore



Registrato: 05/03/05 20:01
Messaggi: 3616
Residenza: Paladina

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Ho visto un articolo sulla Repubblica ieri, ve lo sintetizzo:

Via a interrogatori e processi: ecco chi rischia di retrocedere
Juventus: Moggi comandava gli arbitri - Serie B
Milan: contropotere molto rischioso - Serie B
Fiorentina: Della Valle china la testa - Serie B
Lazio: Lotito e i rapporti con Mazzini - Serie B
Reggina: Foti chiamò Bergamo - tra Serie B e penalizzazione
Siena: l'amico De Santis - penalizzazione


_________________
La mia ALFA 147? 160.000 Km!
visita la mia città: http://rekellps.miniville.fr
****************

Mar 30 Mag 2006, 16:02 Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage MSN
Garzu
Seguace della Dea



Registrato: 24/08/05 13:58
Messaggi: 909
Residenza: Viserbæ (ARIMINVM)

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Considerate Napoli, Cesena, Mantova, Genoa (?), Bologna (?)...

B = A2



.....finalmente! Very Happy
Mar 30 Mag 2006, 18:56 Profilo Invia messaggio privato MSN ICQ
Erika
Co-organizzatrice



Registrato: 02/05/05 13:26
Messaggi: 2551
Residenza: telgate

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Si allunga la lista degli indagati:

Bufera sulla Lazio: Lotito e Mezzaroma indagati

I due sono accusai di aggiotaggio manipolativo.

La Procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ed uno dei maggiori azionisti del club biancoceleste, Roberto Mezzaroma, con l'accusa di aggiotaggio manipolativo. Le abitazioni di Lotito e Mezzaroma sono state perquisite dalla Guardia di Finanza.

Secondo gli inquirenti, i due avrebbero nascosto alla Consob un patto secondo cui Mezzaroma avrebbe acquistato il 14% delle azioni della Lazio, ma per conto di Lotito, facendo sì che non fosse chiara la reale composizione del pacchetto azionario del clun biancoceleste.
fonte goal

_________________


CRISTIANO DONI fan club - Tessera n° 2
W I KAWASAKI BOYS!!!
La palla è sotto le gambe, sotto le gambe, la palla è sotto le gambe!!!
Mer 31 Mag 2006, 9:14 Profilo Invia messaggio privato AIM
zio val
Moderatore



Registrato: 05/03/05 20:01
Messaggi: 3616
Residenza: Paladina

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Le anomalie dell’ultimo campionato di serie A. Gli episodi contestati del 2005-06.

In un’intervista di Alberto Cerruti sulla Gazzetta dello Sport, Fabio Capello ha spiegato: «Sono convinto che la Juve rimarrà in serie A e stiamo lavorando per questo. Abbiamo vinto questo campionato regolarmente e per questo è stato giusto festeggiare. Moggi ha commesso soltanto peccati di superficialità». Una rivisitazione dell’ultima stagione dimostra che non tutto è stato regolare: errori e situazioni non sempre clamorosi, però mirati e capitati in momenti fondamentali, destinati però a suscitare nuovi sospetti, dopo quanto è emerso attraverso le intercettazioni. Con l’aggiunta del primo caso di moviola in campo, dettata dall’ex arbitro Pellegrino, ora team manager del Messina, pronto a far annullare per fuorigioco un gol segnato dal Chievo. L’intervista rischia di costare a Capello il deferimento. Di certo non è piaciuta a Guido Rossi, commissario straordinario della Figc, irritato per alcuni passaggi: «Capello è un ottimo allenatore,ma capita anche a lui di dire castronerie ». Una censura netta: il commissario ha trovato le parole del tecnico bianconero inattese, stonate e fuori luogo, nelle conclusioni (la Juve in A e lo scudetto regolare, sapendo che le eventuali irregolarità del campionato 2004-2005 devono ricadere sul campionato appena concluso) e in rapporto al momento, visto che l’Ufficio Indagini sta lavorando per decifrare contorni e responsabilità precise del più grande scandalo della storia del calcio italiano. Rossi, come nel caso di Cannavaro, è pronto alla linea dura.

20 AGOSTO 2005
Juventus-Inter 0-1
Arbitro: De Santis

La Juve perde la Supercoppa italiana, a Torino contro l'Inter e protesta per un gol (regolare) annullato a Trezeguet per fuorigioco. Due giorni dopo, il giudice sportivo, Maurizio Laudi, squalifica per tre giornate il difensore dell'Inter, Samuel, per uno sputo verso Nedved (prova tv). Le immagini dimostrano che Samuel è lontanissimo dal centrocampista ceko; lo sputo non lo sfiora.

28 AGOSTO 2005
Ascoli-Milan 1-1
Arbitro: De Santis

Prima giornata: il Milan viene fermato ad Ascoli sul 2-2. È un pareggio che scatena furibonde polemiche, perché De Santis fa giocare la partita sul campo allagato. Galliani minaccia le dimissioni dalla Lega, perché «così non posso difendere la mia società come dovrei e potrei».

21 SETTEMBRE 2005
Udinese-Juventus 0-1
Arbitro: N. Ayroldi

Cannavaro commette un fallo da rigore in area su Barreto, ma viene perdonato. La polemica nasce prima della partita, perché il d.g. dell'Udinese, Leonardi, mette fuori rosa Iaquinta, colpevole di non voler prolungare il contratto con l'Udinese. La mossa accende molti sospetti: Leonardi è stato responsabile del settore giovanile bianconero.

29 OTTOBRE 2005
Milan-Juve 3-1
Arbitro: Bertini

Con lo slogan «arbitraggio all'inglese», Bertini non influisce sul risultato della partita, ma la gestione disciplinare della gara è debole. Ai cinque ammoniti e ai 52 falli, si aggiungono quattro episodi da prova tv: gomitata di Thuram a Gilardino (40' p.t.); colpo di Inzaghi a Chiellini (3' s.t.); intervento di Mutu su Nesta (18' s.t.); passeggiata di Nedved su Gattuso (25' s.t.). Moggi fa sapere di essere furibondo; Laudi ascolta Bertini (la condizione indispensabile per attivare la prova è che l' episodio sia sfuggito al controllo dell'arbitro) e decide di non applicare la prova tv. Bertini confessa di aver visto tre dei quattro episodi, mentre nel contatto Inzaghi-Chiellini entra in gioco il quarto uomo: «Ho visto tutto». Perdono e polemiche.

6 NOVEMBRE 2005
Juventus-Livorno 3-0
Arbitro: Brighi

Direzione con errori e imprecisioni. Giusta l'espulsione di De Ascentis per fallo su Mutu, ma si limita al giallo per Camoranesi e perdona Chiellini, già ammonito. Una «saggia» amministrazione dei cartellini.

20 NOVEMBRE 2005
Fiorentina-Milan 3-1
Arbitro: Rodomonti

Brocchi a terra intercetta il pallone in area con il braccio allargato, ma il guardalinee Copelli lascia correre. Fa discutere il gol annullato a Gilardino per un contrasto con Di Loreto (sarebbe stato quello del 2-2). La decisione viene presa da Copelli, posizionato a 35 metri dai due giocatori, mentre l'arbitro, che si trova a soli dieci metri, non interviene, forse coperto da altri giocatori.

7 GENNAIO 2006
Palermo-Juventus 1-2
Arbitro: Bertini

Borriello dà ragione al difensore e invece del rigore (trattenuta evidente), fischia la trattenuta dell'attaccante. In contemporanea, durante Chievo-Juve 1-1, l'arbitro Palanca non fischia con il rigore un'ancata di Lanna su Ibrahimovic.
Pessima direzione: Bertini non punisce con il rigore un «mani» di Terlizzi; perdona Caracciolo, autore di una protesta che per come si è manifestata, doveva determinare l'espulsione (mani addosso all'arbitro); non vede una gomitata di Caracciolo su Cannavaro e una di Trezeguet su Barzagli.
Accenno di rissa in Inter-Juve del 12 febbraio. Paparesta arbitra bene, ma il dopogara è infiammato da Figo che denuncia: «Ho visto Moggi entrare dall'arbitro prima della partita». Il portoghese verrà multato (TamTam)

5 FEBBRAIO 2006
Juventus-Udinese 1-0
Arbitro: Dattilo

(36' s.t.), Vidigal scavalca Buffon con un pallonetto: Cannavaro lo allontana con una spinta, ma Datilo non fischia.

8 FEBBRAIO 2006
Juventus-Parma 1-1
Arbitro: Palanca

Sull'1-1 (regolare il gol di Ibrahimovic) l'assistente Milardi blocca Corradi lanciato verso Buffon, per un fuorigioco inesistente. Ancora più gravi gli errori finali dell'arbitro: concede alla Juve un rigore che non c'è per un trascurabile contatto Grella-Vieira; non fischia un clamoroso rigore al Parma, per prolungata trattenuta di Cannavaro su Corradi. L'Inter perde; la Juve si presenta al confronto diretto con 9 punti di vantaggio.

12 FEBBRAIO 2006
Inter-Juve 1-2
Arbitro: Paparesta

Annulla a ragione il gol di Adriano (punizione a due); non espelle Samuel (fallo su Ibrahimovic, solo giallo); fischia la punizione della vittoria bianconera per un fallo lieve, ma reale di Cordoba su Nedved. Mancini si infuria e verrà squalificato. Finita la partita, Figo dice: «Ho visto Moggi entrare nello spogliatoio di Paparesta, prima della gara». In realtà l'ex d.g. bianconero, con Giraudo e Bettega, aveva forzato il blocco delle maschere («non provate a fermarci») ed era passato dove l'accesso è vietato a tutti i dirigenti, proprio per evitare contatti con arbitro e assistenti. Paparesta e gli uomini dell'Ufficio Indagini non annotano l'episodio; Figo viene multato.

18 FEBBRAIO 2006
Livorno-Inter 0-0
Arbitro: Bertini

Ignorato un fallo da espulsione di Wome. Ma l'Inter viene ancora punita con la prova tv. Tocca ad Adriano: due giornate di squalifica perché Laudi ritiene che lo schiaffo («forte, per un ampio movimento del braccio») dato a Grandoni (6' s.t.) sia sfuggito all' arbitro Bertini e si configuri come «atto violento», visto che colpisce sia la mano sia la faccia dell' avversario. La Disciplinare accoglie il ricorso dell'Inter e cancella la squalifica, ma il procuratore Palazzi, con una procedura inusuale, ispirata da Laudi e dalla stessa Figc, fa ricorso alla Caf, che risqualifica Adriano.

18 FEBBRAIO 2006
Milan-Cagliari 1-0
Arbitro: Morganti

Il rigore che consente al Milan di vincere è molto generoso. L'intervento su Inzaghi è senza fallosità e lo dice anche Ancelotti.

25 MARZO 2006
Parma-Inter 1-0
Arbitro: Tagliavento

Il gol del Parma è irregolare: perché Corradi avvia l'azione da una posizione di offside; perché sul tiro di Simplicio, con Marchionni si trova in posizione in fuorigioco attivo.

15 APRILE 2006
Cagliari-Juve 1-1
Arbitro: N. Ayroldi

Ayroldi sbaglia tutto: non espelle Blasi, dà un rigore dubbio al Cagliari; ammonisce Suazo; dà un rigore compensativo alla Juve e non lo fa ripetere nonostante cinque giocatori in area; perdona Camoranesi (gomitata), che firma l'assist del pareggio.

fonte Corriere.it

_________________
La mia ALFA 147? 160.000 Km!
visita la mia città: http://rekellps.miniville.fr
****************

Mer 31 Mag 2006, 10:43 Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage MSN
Erika
Co-organizzatrice



Registrato: 02/05/05 13:26
Messaggi: 2551
Residenza: telgate

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
L'avvocato Gianaria: «Moggi proteggeva la Juve. Il potere vero è del Milan» (La Stampa)

Il legale dell'ex dg bianconero disegna uno scenario diverso da quello ipotizzato dalla procura di Napoli: «Fuorviante pensare che fossero tutti al servizio di Luciano, di Bergamo e della Fazi. E’ una ipotesi che serve solo a creare il mostro».

Fulvio Gianaria difende Luciano Moggi. «Una riflessione su come è stato costruito il mostro Moggi si impone: le conversazioni intercettate, almeno rispetto al sistema calcio, sono essenzialmente di 6-7 persone, le stesse cui grosso modo la Procura di Napoli contesta l’associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. I carabinieri che conducono le indagini selezionano giustamente 2500 telefonate (delle 100 mila e forse oltre di cui si parla) e di quelle sono state scelte una quarantina per definire il teorema di una cupola del calcio dominata da Moggi. Basta per soddisfare la fame e l’emotività dei tifosi di mezz’Italia che si sentono confermati nei loro sospetti e risarciti. Noi vorremmo ascoltare, mettere insieme tutte quelle telefonate e calarle nella realtà dei veri centri di potere del calcio: diritti televisivi, forza dei soci di riferimento, forza delle corporazioni interne al sistema calcio».

Chi siano i soci di riferimento è intuibile, può essere più chiaro sul resto? «Gli arbitri, la Federcalcio, La Lega Calcio: pensare che tutte queste realtà si muovano agli ordini di Moggi, Bergamo, Fazi è fuorviante. Può servire a liquidare in sede sportiva una domanda popolare che si faccia piazza pulita, ma in sede penale è un’altra cosa».

Par di cogliere un certo ottimismo sull’esito dell’inchieste penali. «Mi limito ad osservare che le accuse dovranno essere dimostrate in tribunale. Se non c’è di più, i teoremi crollano. La Procura di Torino ha cercato riscontri alle telefonate intercettate per valutarle ed è pervenuta alla conclusione che una ricaduta sul reato penale di frode sportiva non c’era. L’ipotesi della cupola con al vertice Moggi funziona per costruire un mostro che controlla tutti, dentro e fuori il calcio. Intanto, vorrei ascoltarle per intero, quelle 2500 telefonate, e non essere costretto dalle circostanze a limitarmi a leggere i frammenti pubblicati. Lo dico con tutto il rispetto per il lavoro dei carabinieri che hanno selezionato le conversazioni ritenute rilevanti».

Nel frattempo? «Se non possiamo documentarci, non possiamo difenderci, e per il momento non andiamo da nessun pm. Nemmeno da Borelli. Ripeto: con tutto il rispetto per i ruoli e le persone. L’ho già chiarito a un magistrato torinese».

Ma una linea di difesa l’avete già. «Moggi si è sempre mosso per preservare la forza propria della Juventus dai centri di potere importanti. Mi riferisco a chi ha la possibilità di trattare e acquistare i diritti tv dei club, a chi ha le televisioni. Vero è che Moggi interviene sul moviolista di Biscardi: le sue attivazioni, concorrenti e parallele, fanno notizia perché escono da conversazioni intercettate, e sono di un certo tenore, appartengono al personaggio, sicuramente esuberante».

Moggi non ha un conflitto di interessi con la Gea? «E’ talmente evidente che il vero conflitto di interessi non l’ha Moggi: il Milan vende e, in un certo senso, compra i diritti televisivi; la Juve li vende al meglio, com’è comprensibile. I tre grandi vettori del denaro nel calcio sono: diritti tv, televisioni, soci che ricapitalizzano i club. Pensare che Moggi non solo li reiquilibrasse, ma fosse diventato il vertice del potere nel calcio è... una barzelletta».

_________________


CRISTIANO DONI fan club - Tessera n° 2
W I KAWASAKI BOYS!!!
La palla è sotto le gambe, sotto le gambe, la palla è sotto le gambe!!!
Mer 31 Mag 2006, 13:21 Profilo Invia messaggio privato AIM
The Lizard
Dea dipendente



Registrato: 18/08/04 11:10
Messaggi: 8564

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Secondo le ultime indiscrezioni pare che pure Garrone e la Sampdoria siano coinvolti...
Mar 13 Giu 2006, 11:27 Profilo Invia messaggio privato
The Lizard
Dea dipendente



Registrato: 18/08/04 11:10
Messaggi: 8564

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Anche la Reggina è indagata...
Mer 14 Giu 2006, 8:31 Profilo Invia messaggio privato
Caveman
Supporter Dea



Registrato: 21/12/04 22:01
Messaggi: 2737
Residenza: Lago d'Iseo....in via di trasloco per San Marino o Liechtenstein....oops ora lo sa anche Umbe!

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
E la Colognese per ora è davvero fuori da questi loschi giochi....Giulio che latita nel forum è cosa sospetta....

_________________
Mer 14 Giu 2006, 20:40 Profilo Invia messaggio privato MSN
zio val
Moderatore



Registrato: 05/03/05 20:01
Messaggi: 3616
Residenza: Paladina

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
La Juve paga ma ha un credito da riscuotere

MILANO, 16 giugno 2006 - "Mi dica lei signor Cannavò quale società, per giunta quotata in Borsa, dopo aver vinto gli ultimi due scudetti, osa demolire il suo consiglio di amministrazione, costringe alle dimissioni il direttore generale e nomina una dirigenza completamente nuova? La Juve lo ha fatto. Le chiedo come dobbiamo considerare questo gesto: un esempio illuminante o un chiaro riconoscimento di colpa prima dei processi?". Il messaggio porta la firma di uno juventino doc, friulano, che si chiama Silvestro, ma è come se arrivasse dal cielo. Il caso è grosso, inedito, per certi versi sconvolgente al cospetto della mentalità speculativa e opportunistica che domina le nostre scene. La domanda merita, dunque, attenzione e rispetto.

IL BIVIO Parte prima. L’esempio della Juve è clamoroso, illuminante, adeguato alla portata dello scandalo nel quale il club bianconero si trova immerso sino al collo, non solo per lo sporco traffico con gli arbitri, ma anche quale titolare del motore e della mente di cui anche altri club si sono serviti. Gli Agnelli erano dinanzi a un’alternativa: lottare in quel mare di fango, oppure agganciarsi allo stile della loro famiglia e alle pagine della loro storia. Hanno scelto la seconda via. Prima di essere rinnovata, la Juve è stata evacuata, come si fa con un palazzo colpito da una bomba. Non sapremo mai quanti scudetti puliti e quanti sporchi figureranno nel carnet di quella dirigenza estinta, ma una necessità immediata si poneva: quella di cancellarla.

AUTO-CENSURA JUVE Parte seconda. Riconoscimento di responsabilità? Certo, anzi certissimo. Prezzo da pagare? Altrettanto scontato. La perversa attività di Moggi, controllata da Giraudo, ignorata nelle alte sfere, comporta per la Juve rischi molto gravi nel processo sportivo, a cominciare dalla confisca dei due ultimi scudetti, senza l’obbligo di assegnarli ad altri: meglio lasciare nell’albo d’oro un buco nero a eterna memoria. Non sappiamo in quale campionato giocherà in settembre la squadra bianconera, né quando la rivedremo in Champions League. Ma con tutta l’intransigenza che lo scandalo reclama, io credo che sia doveroso nei processi tenere in debito conto il gesto chiarificatore della Juve, il coraggio di auto-censurarsi, di spazzare via lo sporco, di proporsi al tempo stesso quale colpevole e propugnatrice di un riscatto sportivo e morale: per sé e tutto il nostro calcio. In questo senso le parole di John Elkann sono state quelle di un leader.

LA TEMPRA DI ROSSI C’è molto da apprendere in questo scandalo, pur nella sua colossale negatività. Due valorosi giornalisti hanno fatto ieri su «Repubblica» una cronistoria molto documentata delle dispersioni dell’inchiesta: ben preparata, ben condotta, coraggiosa ma alla lunga isterilita dalla non occasionale fuga di notizie. Certo, sul piano giudiziario più di un’occasione è stata persa, ma su quello sportivo ce n’è abbastanza per rivoltare l’intero mondo del calcio, se lo si vorrà. Nessuna difficoltà, a quanto pare, spaventa il commissario Guido Rossi, neanche quella di dover sostituire di colpo il presidente della Caf e i magistrati prestati allo sport. Lui è convinto che si arriverà alle sentenze definitive entro il 20 luglio. Sono convinto che senza un uomo di questa tempra si sarebbe rischiato un rinvio dei campionati. Ma da qui al 20 luglio non immaginiamo un sentiero di velluto, tutt’altro. Siamo dinanzi a un test definitivo per la giustizia sportiva. O la si accetta con la sua rapidità, le sue esigenze e i suoi difetti, o quel che resta del calcio si disperderà tra un tribunale e l’altro, arricchendo avvocati e svuotando i cuori e gli stadi.

Candido Cannavò -> fonte www.gazzetta.it

_________________
La mia ALFA 147? 160.000 Km!
visita la mia città: http://rekellps.miniville.fr
****************

Ven 16 Giu 2006, 15:16 Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage MSN
Erika
Co-organizzatrice



Registrato: 02/05/05 13:26
Messaggi: 2551
Residenza: telgate

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Arriva la stangata per Juve & Co, incastrati Carraro e Paparesta (La Repubblica)

Rinvio a giudizio: "Non c'è alcuna distanza con la relazione degli 007 della Figc". A rischio Milan, Lazio, Fiorentina e Udinese.

La procura federale ha sposato la tesi Borrelli: l'illecito strutturato sul campionato 2004-2005 c'è stato e così il potere arbitrale Juventus a cui nel tempo si è contrapposto un potere Milan. E ci sono state pesanti responsabilità dei dirigenti di Lazio e Fiorentina, che per salvare i loro club hanno chiesto aiuti arbitrali. Spiegano fonti della procura federale di Stefano Palazzi, "non ci sarà alcuna distanza tra la relazione del pool Borrelli, un lavoro duro, fatto con grande libertà di pensiero, e le conclusioni della procura. Nella maniera più assoluta". La Juventus è in bilico tra la serie C e la B con 9 punti di penalizzazione. Fiorentina, Milan e Lazio restano a rischio B. Chi ha combinato un finale di campionato perché "strozzato" dalla cupola del calcio, ha colpe inferiori agli inventori della cupola. Il primato negativo spetta alla Juve: suo il ruolo centrale nel sistema Moggi. Poi la Fiorentina, vittima costretta a diventare complice dello stesso sistema: telefonate all'ex dg Juve, a Bergamo e Mazzini, incontri a pranzo con il designatore, frasi esplicite di combine. Al terzo posto il Milan: c'è Galliani che chiede al suo dirigente Meani di intervenire sui designatori. Infine, la Lazio di Lotito. Il presidente moralizzatore, pur chiedendo con insistenza arbitri favorevoli e partecipando al lavoro politico di sottobosco con Moggi e Giraudo, ha mantenuto il suo livello di pressione su un vicepresidente federale (Mazzini), uomo dell'istituzione calcistica.

Le novità arrivano dal deferimento, già in questa fase, anche dell'Udinese. La società di Pozzo rischia per una conversazione tra Toffolini e Meani: il team manager friulano ringrazia il responsabile per gli arbitri del Milan dopo l'1-1 che spinge l'Udinese in Champions League alla fine del torneo 2004-2005. Le immagini del match aggravano l'ipotesi di reato. La Sampdoria, a rischio deferimento, non dovrebbe subire conseguenze importanti. L'ascolto delle conversazioni registrate ha consentito al "pool Borrelli" di smontare il tentativo di dare un'interpretazione goliardica ad alcuni dialoghi. La posizione di Carraro si è aggravata per i toni usati nella telefonata all'ex designatore Bergamo dopo il discusso Roma-Juve 1-2, arbitro Racalbuto. Il tono minaccioso dell'ex presidente della Federcalcio è un elemento in più per l'accusa, che punterà alla sua radiazione. A stupire l'Ufficio Indagini della Federcalcio è stata la presenza di una sola telefonata tra Galliani e il duo Moggi-Giraudo. Un blackout inspiegabile per l'ex dg della Juve, capace di sostenere centomila telefonate in un anno. Finirà la sua carriera Paparesta, uno dei più bravi arbitri italiani, chiuso nello spogliatoio da Moggi dopo Reggina-Juve del 2004. La richiesta di raccomandazione a Galliani e la sua versione sulla telefonata a Moggi il giorno dopo l'incidente di Reggio Calabria - "volevo dirgli di non provarci mai più" - non hanno convinto l'Ufficio Indagini.

_________________


CRISTIANO DONI fan club - Tessera n° 2
W I KAWASAKI BOYS!!!
La palla è sotto le gambe, sotto le gambe, la palla è sotto le gambe!!!
Mer 21 Giu 2006, 9:49 Profilo Invia messaggio privato AIM
zio val
Moderatore



Registrato: 05/03/05 20:01
Messaggi: 3616
Residenza: Paladina

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
ho letto su un articolo di Repubblica.it che il presidente del Bari non vuole la juve, il milan, la lazio e la fiore in serie B poichè (cito testualmente) "Noi abbiamo fatto programmi per andare in A e se retrocedono questi squadroni la promozione per noi è un discorso chiuso, a meno che non ci siano punti di penalizzazione che equilibrino la situazione".

??

_________________
La mia ALFA 147? 160.000 Km!
visita la mia città: http://rekellps.miniville.fr
****************

Ven 23 Giu 2006, 15:37 Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage MSN
zio val
Moderatore



Registrato: 05/03/05 20:01
Messaggi: 3616
Residenza: Paladina

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
tra l'altro...

due squadre sono promosse dirette... la terza deve farsi i playoff... quindi delle quattro possibili retrocesse una potrebbe farsi un altr'anno di B... ...

_________________
La mia ALFA 147? 160.000 Km!
visita la mia città: http://rekellps.miniville.fr
****************

Ven 23 Giu 2006, 15:38 Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage MSN
Albe
Seguace della Dea



Registrato: 23/06/06 17:57
Messaggi: 1127
Residenza: Mozzo

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Fonte: Il Corriere della Sera
Sono cinque le partite che i fratelli Diego e Andrea Della Valle con il consigliere delegato Sandro Mencucci avrebbero, secondo Palazzi, cercato di manipolare a favore della Fiorentina. Si tratta delle gare del campionato 2004-2005 Lazio- Fiorentina, Bologna-Fiorentina, Chievo- Fiorentina, FIORENTINA-ATALANTA e Lecce- Parma. I Della Valle avrebbero fatto una «proposta di combine» al presidente della Lazio, Claudio Lotito, e tramite Luciano Moggi e Innocenzo Mazzini avrebbero instaurato «consolidati contatti» con il designatore arbitrale Bergamo. Lo scopo era quello «di ottenere vantaggi conseguenti all'alterazione dei risultati». In questa «operazione» sono coinvolti anche gli arbitri Dondarini, Rodomonti e De Santis. Tutti sono stati deferiti per l'art. 6 e, in particolare, Mazzini è accusato di essersi «reso parte attiva nella instaurazione e successivo consolidamento dei contatti tra i dirigenti della Fiorentina e Bergamo»

Bastardi!!!
Sab 24 Giu 2006, 14:22 Profilo Invia messaggio privato
zio val
Moderatore



Registrato: 05/03/05 20:01
Messaggi: 3616
Residenza: Paladina

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Calciopoli: chiesta C1 per la Juve
Serie B per Fiorentina, Lazio e Milan

Il procuratore federale Stefano Palazzi ha chiesto la retrocessione in C1 con 6 punti di penalizzazione per la Juventus. Richiesta la retrocessione in B con 15 punti di penalità per Fiorentina e Lazio, mentre per il Milan la retrocessione nel campionato cadetto e 3 punti di penalizzazione. Chiesti anche cinque anni di inibizione per Luciano Moggi, Antonio Giraudo, Franco Carraro e Innocenzo Mazzini.

Queste tutte le richieste di Palazzi:

JUVENTUS: esclusione da campionato di competenza e sei punti di penalizzazione nel campionato in cui verrà assegnata che dovrà essere inferiore alla serie B. Inoltre revoca dello scudetto 2004-05 e non assegnazione del titolo 2005-06.

MILAN: retrocessione all'ultimo posto della A, con retrocessione al campionato cadetto. Da scontare tre punti penalizzazione.

LAZIO: retrocessione all'ultimo posto in A, con retrocessione in B con 15 punti di penalizzazione.

FIORENTINA: retrocessione all'ultimo posto in A, con retrocessione in B con 15 punti di penalizzazione.

MOGGI: inibizione a 5 anni, più richiesta di radiazione con multa di 5000 euro per ogni illecito commesso.

GIRAUDO: inibizione a 5 anni più richiesta radiazione con multa di 5000 euro per ogni illecito commesso.

DIEGO E ANDREA DELLA VALLE: inibizione a anni 5, con richiesta di radiazione. Più 5000 euro di multa per ogni illecito. Stessa richiesta di sanzione per SANDRO MENCUCCI, dirigente viola.

LOTITO: inibizione a 5 anni più richiesta di radiazione, con 5000 euro di multa.

CARRARO: 5 anni di inibizione con richiesta di radiazione e 5000 euro di multa per ogni illecito.

MAZZINI: 5 anni inibizione con richiesta di radiazione. 5000 euro di multa per ogni illecito

GALLIANI: inibizione dall'attività per due anni. Per MEANI (addetto agli arbitri del Milan) 5 anni con richiesta radiazione e 5000 euro multa.

DE SANTIS: inibizione a 5 anni con richiesta della radiazione. 5000 euro di ammenda.

BERGAMO: 5 anni di inibizione con richiesta di radiazione e 5000 euro di ammenda.

PAIRETTO: 5 anni di inibizione con richiesta di radiazione e 5000 euro di multa.

LANESE: 5 anni di inibizione con richiesta di radiazione più 5000 euro di multa.

PAPARESTA: 1 anno di inibizione per omessa refertazione.

DONDARINI: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

BERTINI: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

MESSINA: 5 ani di inibizione più richiesta di radiazione.

ROCCHI: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

TAGLIAVENTO: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

RODOMONTI: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

MAZZEI: due anni di inibizione.

INGARGIOLA: 1 anni di inibizione.

BABINI: 1 anno di inibizione.

PUGLISI: 1 anno di inibizione.

_________________
La mia ALFA 147? 160.000 Km!
visita la mia città: http://rekellps.miniville.fr
****************

Mar 04 Lug 2006, 12:42 Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage MSN
DeaInMyHeart
Seguace della Dea



Registrato: 17/08/04 20:29
Messaggi: 1454
Residenza: Bergamo

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
zio val ha scritto:
Calciopoli: chiesta C1 per la Juve
Serie B per Fiorentina, Lazio e Milan

Il procuratore federale Stefano Palazzi ha chiesto la retrocessione in C1 con 6 punti di penalizzazione per la Juventus. Richiesta la retrocessione in B con 15 punti di penalità per Fiorentina e Lazio, mentre per il Milan la retrocessione nel campionato cadetto e 3 punti di penalizzazione. Chiesti anche cinque anni di inibizione per Luciano Moggi, Antonio Giraudo, Franco Carraro e Innocenzo Mazzini.

Queste tutte le richieste di Palazzi:

JUVENTUS: esclusione da campionato di competenza e sei punti di penalizzazione nel campionato in cui verrà assegnata che dovrà essere inferiore alla serie B. Inoltre revoca dello scudetto 2004-05 e non assegnazione del titolo 2005-06.

MILAN: retrocessione all'ultimo posto della A, con retrocessione al campionato cadetto. Da scontare tre punti penalizzazione.

LAZIO: retrocessione all'ultimo posto in A, con retrocessione in B con 15 punti di penalizzazione.

FIORENTINA: retrocessione all'ultimo posto in A, con retrocessione in B con 15 punti di penalizzazione.

MOGGI: inibizione a 5 anni, più richiesta di radiazione con multa di 5000 euro per ogni illecito commesso.

GIRAUDO: inibizione a 5 anni più richiesta radiazione con multa di 5000 euro per ogni illecito commesso.

DIEGO E ANDREA DELLA VALLE: inibizione a anni 5, con richiesta di radiazione. Più 5000 euro di multa per ogni illecito. Stessa richiesta di sanzione per SANDRO MENCUCCI, dirigente viola.

LOTITO: inibizione a 5 anni più richiesta di radiazione, con 5000 euro di multa.

CARRARO: 5 anni di inibizione con richiesta di radiazione e 5000 euro di multa per ogni illecito.

MAZZINI: 5 anni inibizione con richiesta di radiazione. 5000 euro di multa per ogni illecito

GALLIANI: inibizione dall'attività per due anni. Per MEANI (addetto agli arbitri del Milan) 5 anni con richiesta radiazione e 5000 euro multa.

DE SANTIS: inibizione a 5 anni con richiesta della radiazione. 5000 euro di ammenda.

BERGAMO: 5 anni di inibizione con richiesta di radiazione e 5000 euro di ammenda.

PAIRETTO: 5 anni di inibizione con richiesta di radiazione e 5000 euro di multa.

LANESE: 5 anni di inibizione con richiesta di radiazione più 5000 euro di multa.

PAPARESTA: 1 anno di inibizione per omessa refertazione.

DONDARINI: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

BERTINI: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

MESSINA: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

ROCCHI: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

TAGLIAVENTO: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

RODOMONTI: 5 anni di inibizione più richiesta di radiazione.

MAZZEI: due anni di inibizione.

INGARGIOLA: 1 anni di inibizione.

BABINI: 1 anno di inibizione.

PUGLISI: 1 anno di inibizione.



più che pene durissime come si legge in giro, sono piuttosto penalizzazioni adeguate applicando il regolamento (tanto per ribadire, in serie D casi di solo TENTATIVO di illecito sportivo, poi neppure concretizzato sul campo, anche di un'unica partita hanno portato a penalizzazioni non inferiori ai 10 punti).
Comunque penso che molte saranno le richieste del procuratore Palazzi che non verranno accolte completamente, con riduzione delle pene.
Molti personaggi sotto accusa hanno rapporti con i componenti della CAF e della Corte Federale (diversi hanno ricoperto cariche anche politiche), quindi ci saranno parecchie pressioni.
In ogni caso, il casino puù grosso succederà quando:
- salteranno fuori altri scandali tirati in ballo dalle penalizzate, e che riguarderanno altre big come Roma ed Inter
- dopo il verdetto della Corte Federale, in molti vorranno appellarsi al Tar del Lazio con tutte le discussioni sull'ammissibilità dei ricorsi.

_________________
cosa vuoi che sia… passa tutto quanto… solo un po' di tempo e ci riderai su (Ligabue)

Il vero io è quello che tu sei e non quello che hanno fatto di te (P. Coelho)

Credo per credere, certi momenti, serve molta energia (RadioFreccia, Liga)
Mar 04 Lug 2006, 14:24 Profilo Invia messaggio privato
gabbyano
Seguace della Dea



Registrato: 27/08/04 22:36
Messaggi: 974
Residenza: Roma

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
come sempre accade le sentenze sono sempre inferiori alle richieste del PM (ascoltavo oggi alla radio il vice direttore della Gazzetta che riteneva anche bizzarra la richesta del PM prima del dibattimento, nemmeno a Provenzano si nega la facoltà di difendersi!!). Ricordo anche il caso atalanta-pistoiese, e l'ultimo del calcioscommesse con Ventola , Bettarini e altri.

Da piu' parti, e concordo, si ritiene comunque anomalo il fatto che sono valide le intercettazioni e non le prove tv.
Esempio, le ammonizioni comminate a Nastase e Petruzzi, contestate come "pilotate", fatte vedere a Matrix sono sacrosante, anzi, forse Nastase era anche da rosso.

Piccola goduria...il Berlusca..voleva 2 scudetti....e..ora si ritroverebbe a giocare....contro Albinloeffe, Frosinone, ecc.-!!-)))

Vedremo comunque le sentenze, forse juve in B, Milan , Lazio e Fiorentina forti penalizzazioni in A. A questo punto..il sogno...proibito..ATALANTA IN CHAMPIONS LEAGUE!.-))
Mer 05 Lug 2006, 1:23 Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
DeaInMyHeart
Seguace della Dea



Registrato: 17/08/04 20:29
Messaggi: 1454
Residenza: Bergamo

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
gabbyano ha scritto:
come sempre accade le sentenze sono sempre inferiori alle richieste del PM (ascoltavo oggi alla radio il vice direttore della Gazzetta che riteneva anche bizzarra la richesta del PM prima del dibattimento, nemmeno a Provenzano si nega la facoltà di difendersi!!). Ricordo anche il caso atalanta-pistoiese, e l'ultimo del calcioscommesse con Ventola , Bettarini e altri.

Da piu' parti, e concordo, si ritiene comunque anomalo il fatto che sono valide le intercettazioni e non le prove tv.
Esempio, le ammonizioni comminate a Nastase e Petruzzi, contestate come "pilotate", fatte vedere a Matrix sono sacrosante, anzi, forse Nastase era anche da rosso.

Piccola goduria...il Berlusca..voleva 2 scudetti....e..ora si ritroverebbe a giocare....contro Albinoleffe, Frosinone, ecc.-!!-)))

Vedremo comunque le sentenze, forse juve in B, Milan , Lazio e Fiorentina forti penalizzazioni in A. A questo punto..il sogno...proibito..ATALANTA IN CHAMPIONS LEAGUE!.-))


In effetti è paradossale che possano essere considerate valide le intercettazioni e non le prove tv. Anche se, riguardo a quest'ultime, il Codice di Giustizia Sportiva è abbastanza chiaro, affermando che si possono solamente utilizzare, come difesa, in limitatissime circostanze (scambio di giocatori e condotta antisportiva) (art. 31 CGS).

Però:
1 - episodi contestati ce ne possono essere anche 100, ma se la prova tv ne avvalorasse anche solo 10, smentendone gli altri 90 uno da colpevole non diventa innocente, e la pena non si riduce neppure di troppo.
2 - la questione principale non è mostrare o meno se sul campo si siano verificati degli illeciti, ma che ci siano stati dei tentativi di illecito singoli o ripetuti. E per questo bastano le intercettazioni telefoniche.
3 - gli episodi contestati inoltre sono attribuiti da chi? Dalle interpretazioni dei mass-media alle varie partite incriminate?
Perché se è l'ufficio indagini a farlo è un conto, se è TGCOM o la Repubblica è un altro. Nel primo caso, se per dimostrare che non ci sia stato solamente tentativo di illecito, ma si è anche consumato l'illecito, gli Organi di giustizia sportiva fanno degli esempi, chiaro che dovranno motivarli in modo inequivocabile.

Comunque credo finirà come hai detto tu: juve in B, milan e le altre in A con penalizzazione.

_________________
cosa vuoi che sia… passa tutto quanto… solo un po' di tempo e ci riderai su (Ligabue)

Il vero io è quello che tu sei e non quello che hanno fatto di te (P. Coelho)

Credo per credere, certi momenti, serve molta energia (RadioFreccia, Liga)
Mer 05 Lug 2006, 11:31 Profilo Invia messaggio privato
DexterH46
Supporter Dea



Registrato: 17/08/04 22:55
Messaggi: 3149
Residenza: Sydney, NSW, Australia

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
Concordo con Giulio, specie quando fa il paragone con la serie D.
Ora, poichè questi signori si chiamano Juve o Milan, non mi pare il caso di applicare pene "diverse".

Juve ed "ammissione di colpe".
Beh, vorrebbero tenersi scudetti ed A?Ok la famigerata "ammissione", ma il danno c'è stato. Ed onesti ed i tifosi han pagato.

_________________
I'd like to think the world is a better place --> www.dexterh46.splinder.com

Visitate il mio blog... Wink --> www.australia2007.splinder.com

A SIOM DI SUZARES SPACOM SO TOT --- FORZA SUZZARA - ZARA REBELS RULE

CRISTIANO DONI fan club - Tessera n° 1
Mer 05 Lug 2006, 15:37 Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
Erika
Co-organizzatrice



Registrato: 02/05/05 13:26
Messaggi: 2551
Residenza: telgate

Messaggio
Descrizione:
Rispondi citando
La Fazi a Bergamo 'Metti Trefoloni così incameriamo 5mila euro'

09:52 del 03 novembre

C'e' un'intercettazione che riguarda l'arbitro trefoloni che apre nuovi scenari su Calciopoli.
In una chiacchierata tra Paolo Bergamo e la segretaria Can, Fazi, si parla di un attacco a De Santis, Carraro e pairetto.
La Fazi parlando di Trefoloni a Bergamo: "Gli ho detto che se non ti telefonava quando eri alla cena con Moggi e Giraudo lo avrei distrutto. Devi metterlo in seconda griglia, se no fra tre domeniche non puo' fare Milan-Juventus".
Bergamo: "Forse lo tengo fermo una settimana".
Fazi: "Lascialo riposare poi fa un turno in A cosi' incameriamo altri 5 mila euro dopo la mia fatica di Brescia-palermo".
Questa frase ha colpito i pm di Napoli che stanno cercando riscontri su eventuali scambi economici tra arbitri.
Fazi: "Ho fatto lo sforzo di dargli dieci in pagella dopo Brescia-Palermo, deve risalire. Non basta che a fine anno finisca tra i primi dieci arbiri, deve stare tra i primi 5, davanti a Rosetti. Tu Rosetti lo bastoni ma Pairetto lo tira su". (La Repubblica)

_________________


CRISTIANO DONI fan club - Tessera n° 2
W I KAWASAKI BOYS!!!
La palla è sotto le gambe, sotto le gambe, la palla è sotto le gambe!!!
Ven 03 Nov 2006, 17:12 Profilo Invia messaggio privato AIM
Mostra prima i messaggi di:    
Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Serie A, B e leghe inferiori, Coppe e Nazionali Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4
Pagina 4 di 4
Vai a: 
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Sicurezza con CBACK CrackerTracker.

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Design by Freestyle XL / Flowers Online.phpbb.it